Lara Comi: stop agli arresti domiciliari, “nessun motivo” per fermo

Pubblicato il 6 Dicembre 2019 alle 15:06
Aggiornato il: 3 Gennaio 2020 alle 18:46
Autore: Daniele Sforza

Lara Comi torna in libertà. Il tribunale del Riesame di Milano ha decretato lo stop agli arresti domiciliari. Ecco per quale motivo.

Lara Comi stop agli arresti domiciliari
Lara Comi: stop agli arresti domiciliari, “nessun motivo” per fermo

Stop agli arresti domiciliari per Lara Comi, che ricordiamo essere stata arrestata con l’accusa di aver intascato tangenti sotto forma di consulenze. Il Tribunale del Riesame di Milano ha infatti accolto la richiesta di revoca degli arresti domiciliari che qualche giorno fa ha presentato l’avvocato difensore, Gian Piero Biancolella. Gli arresti domiciliari sono stati decretati lo scorso 14 novembre.

Arresti domiciliari annullati per Laura Comi

La misura cautelare è stata annullata per 3 imputazioni su 6, mentre le restanti tre sono state considerate non così gravi da determinare come pena una misura cautelare definitiva. In breve, non ci sarebbe stato nessun motivo per mettere Lara Comi agli arresti domiciliari. Permane l’interdizione per 6 mesi dall’esercizio degli uffici direttivi delle imprese.

Decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo: formula e opposizione

Lara Comi: fine degli arresti domiciliari, la reazione

La reazione della Comi alla notizia è stata ovviamente molto positiva: “Sono molto felice e ora sono più che mai determinata a far emergere la mia innocenza”, per poi ringraziare il suo avvocato. La decisione del Tribunale del Riesame di Milano è una buona notizia anche per i genitori dell’ex eurodeputata di Forza Italia, visti i loro problemi di salute, e visto che fino a oggi la figlia non è potuta stare loro accanto, come ha precisato l’avvocato.

Le intercettazioni e i messaggi Telegram

Il contesto dell’inchiesta “Mensa dei poveri”

Ricordiamo che l’arresto di Lara Comi è avvenuto nell’ambito della seconda parte dell’inchiesta denominata “Mensa dei poveri”, dal nome del ristorante dove erano soliti trovarsi gli indagati sulla questione per spartirsi le tangenti o decretare nomine. In questo contesto, stando a quanto riportato dagli inquirenti, Lara Comi sarebbe colpevole di aver incassato rimborsi non dovuti durante un periodo del suo mandato all’Europarlamento ricevendoli da un soggetto terzo (per saperne di più vi invitiamo a leggere questo articolo).

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →