Il discorso di Wisłava Szymborska per il Nobel: la passione e il “non so”

Pubblicato il 10 Dicembre 2019 alle 16:17
Aggiornato il: 3 Gennaio 2020 alle 18:44
Autore: Rosaria Mautone

Un commento sul discorso tenuto da Szymborska in occasione del conferimento del premio Nobel per la letteratura nell’anno 1996.

Il discorso Nobel di Wisłava Szymborska: la passione e il "non so"
Il discorso di Wisłava Szymborska per il Nobel: la passione e il “non so”

Il discorso di Wisłava Szymborska per il premio Nobel: la passione e il “non so” del poeta

Quando, nel dicembre del 1996, la poetessa polacca Wisłava Zsymborska (1923-2012) viene insignita del Premio Nobel per la letteratura, si assiste in Europa una strana discordanza di opinioni. Se in Germania, in Inghilterra e in Svezia la notizia viene accolta con soddisfazione e senza il minimo stupore, la stessa sembra invece destare scalpore nell’ambiente della critica letteraria italiana, che non nasconde la sua diffidenza e le sue perplessità nei confronti di quella scrittrice quasi sconosciuta, considerata poco più di un’aspirante.

In Polonia la reazione è ancora diversa: soprattutto a Cracovia, la città dove Zsymborska è cresciuta, la sua opera è da tempo un vero e proprio classico. Analogamente, la critica russa la colloca già tra i maggiori poeti del ‘900, e in certi casi la riconosce come la più grande poetessa del secolo.

Il 7 dicembre, in occasione del conferimento del Premio, Zsymborska pronuncia il suo discorso con imbarazzo e difficoltà. Oltre ad avere un carattere riservato, poco avvezzo alla notorietà, ella non ama parlare della poesia; confessa infatti di essersi pronunciata raramente sull’argomento e “sempre accompagnata dalla convinzione di non farlo nel migliore dei modi”.

Wisłava Zsymborska: L’ispirazione e la passione

Nel suo discorso, Zsymborska rifiutava di ricondurre la poesia a una disciplina, a una tecnica o a un’idea, legandola piuttosto a un “Impulso interiore” indeterminato, al quale ben si adatta il concetto moderno di “ispirazione”.

L’ispirazione, nel suo significato moderno, non è un privilegio esclusivo del poeta, o dell’artista in genere, ma uno “stato d’animo” di cui partecipa potenzialmente qualunque attività, se svolta con passione. In questo la poetessa sembrava ricalcare le parole di Sthendal: “La passione non è cieca, ma è visionaria”. Solamente, precisava che il poeta ricerca la sua ispirazione con in mano una penna e un foglio bianco, preparandosi a tradurla in linguaggio: “In silenzio, in attesa di se stesso. Perché, a dire il vero, solo questo conta”.

Clicca qui per conoscere la rubrica culturale del Termometro Politico

Wisłava Zsymborska: L’importanza del non sapere. Il discorso per il Nobel

Nel discorso del 7 dicembre, Zsymborska sosteneva anche: “L’ispirazione, qualunque cosa sia, nasce da un incessante ‘non so’ “. La passione, sembrano voler dire le sue parole, genera irrequietezza, fantasia, curiosità. Ripetere a se stessi “non so” è un modo per abituarsi a non dare nulla per scontato, per non adagiarsi sul già noto. Se dunque il poeta è in grado di ricreare il mondo con le parole, ciò è possibile solo perché egli ha saputo sospendere l’automatismo del sapere e del saper fare, riversato nei discorsi e nelle azioni; perciò, affermava la poetessa: “Anche il poeta deve ripetere di continuo a se stesso “Non so”; come se alla base della poesia vi fosse prima l’abbandono momentaneo del linguaggio e dopo il suo ritrovamento.

Il linguaggio viene riacquistato allora per poter dire altre cose: Il non sapere risveglia nell’artista un’attenzione inusuale rivolta a tutti i fenomeni del mondo esteriore, come agli eventi di quello interiore. Non si tratta, almeno non esclusivamente, di una forma acquisita di ingenuità: al poeta si chiede anche consapevolezza e capacità nel mettere in dubbio l’ovvio e l’acquisito; egli deve accorgersi che il mondo è “la fiera dei miracoli”, come dice il titolo di una sua poesia, e non l’insieme delle cose e degli accadimenti ordinari.

Per questa via si giunge alla centralità riservata alla singolarità delle storie e delle esistenze. Nell’espressione poetica ogni parola (e con essa ogni cosa) può portare con sé il senso dell’eccezione.

Nulla due volte accade, recita una delle sue poesie più famose: “Nulla due volte accade/ né accadrà. Per tal ragione/ Nasciamo senza esperienza,/moriamo senza assuefazione”. Col suo discorso Szymborska invitava a fare dell’inesperienza una qualità di cui riappropriarsi ogni volta, a peccare volutamente di ingenuità, a osservare ogni cosa con stupore e senza angoscia per la mancanza di familiarità. Le sue parole suonano come un invito a praticare la meraviglia.

Le sue indicazioni ricalcano pienamente il suo modo di fare poesia: risuonano nelle domande poste sui più svariati argomenti, nell’ironia dei commenti, nelle note di riflessione, nella forma colloquiale del linguaggio e nella leggerezza dell’espressione. Così l’inesperienza diventa lo strumento principale della poesia, in grado di fornire al poeta occhi sempre nuovi con cui guardare agli eventi del mondo.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]