Pensioni ultime notizie: Quota 100 col rischio esodati. Chi sono

Pubblicato il 4 Gennaio 2020 alle 11:50 Autore: Guglielmo Sano

Pensioni ultime notizie: Quota 100 “scade” il 31 dicembre 2021: la maggioranza prepara un piano per evitare nuovi esodati

Artigiano
Pensioni ultime notizie: Quota 100 col rischio esodati. Chi sono

Pensioni ultime notizie: nuova puntata del dibattito politico su Quota 100; la forma di prepensionamento “scade” nel 2021: la maggioranza prepara un piano per evitare nuovi esodati.

Pensioni ultime notizie: Quota 100 non si tocca (per ora)

Quota 100 è un provvedimento sperimentale che, dunque, ha già il tempo contato, per così dire. Nello specifico, scadrà il 31 dicembre 2021. Dunque, dal primo gennaio 2022 – a meno di una conferma negli stessi termini che, almeno per il momento, sembra improbabile – non si potrà più andare in pensione con 62 anni d’età e 38 di contributi ma soltanto dopo aver raggiunto il termine per la pensione di vecchiaia (attualmente fissato a 67 anni) o aver maturato 42 anni e 10 mesi di contributi (41 e 10 mesi per le donne) come previsto dalla Legge Fornero. Innanzitutto, per questo la maggioranza ha evitato di modificare la misura nella elaborazione della Legge di Bilancio per il prossimo anno, come suggerito per esempio dai renziani di Italia Viva.

Pensioni ultima ora: uscita anticipata a 56 anni, ecco come andarci

Il rischio di nuovi esodati

Eliminarla all’improvviso, considerando che molte aziende del settore privato hanno già approvato la richiesta di prepensionamento presentata dai propri lavoratori in possesso dei requisiti, avrebbe fortemente alzato il rischio di creare nuovi esodati. Tuttavia, come sottolineato tempo fa dall’esperto di previdenza Alberto Brambilla in un’intervista al CorsSera, “il grosso dei lavoratori col sistema retributivo o misto, che poteva approfittare di quota 100 senza rimetterci tanto, è già uscito. Invece, dal prossimo anno la maggior parte di coloro che potrebbero accedere al pensionamento anticipato avrebbe almeno il 60-65% dell’assegno calcolato col contributivo, perdendoci in media il 10%, che non è poco”.

Huawei Y6s: prezzo, scheda tecnica e data di uscita

Modifiche entro la scadenza naturale?

Quindi, se finora nessun ritocco è stato apportato a Quota 100 e posto che, stando a quanto affermato dall’esecutivo ministro Gualtieri in testa, la misura verrà portata a scadenza naturale, non è esclusa qualche modifica al meccanismo, magari nel tentativo di renderla strutturale, entro il 2021. Tuttavia, non solo la cancellazione ma anche alcuni tipi di interventi potrebbero penalizzare alcuni lavoratori più di altri: basterebbe alzare l’asticella dell’età anagrafica a 64 anni per tagliare fuori i nati nel 1959 (che con Quota 100 sarebbero dovuti uscire nel 2021). D’altro canto, è chiaro che qualsiasi cambiamento dei requisiti andrà ad impattare sulla situazione di chi ha oggi 60-61 anni di età (senza Quota 100 “ricadrebbero” nella Fornero); soprattutto, dei 60enni senza lavoro vicini a maturare i requisiti per il pensionamento anticipato che, a quel punto, diventerebbero dei “nuovi” esodati.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →