Storia del capodanno cinese: tutto quello che c’è da sapere

Pubblicato il 16 Gennaio 2020 alle 09:00 Autore: Enrico Ianuario

Storia del capodanno cinese: tra mitologia, tradizioni e svolgimento della festività, ecco come nasce e come si festeggia questo evento.

Storia del capodanno cinese tutto quello che c'è da sapere
Storia del capodanno cinese: tutto quello che c’è da sapere

Storia del capodanno cinese: tra mitologia, tradizioni e svolgimento della festività, ecco come nasce e come si festeggia questo evento.

LEGGI LE NOTIZIE DEL TERMOMETRO QUOTIDIANO

Storia del capodanno cinese: cos’è

Il capodanno cinese, conosciuto anche come Festa di Primavera o capodanno lunare, è una delle feste più importanti, più belle e più sentite della cultura asiatica e celebra l’inizio del nuovo anno secondo il calendario cinese. Ma dietro questo evento c’è una lunga storia alle spalle con una leggenda che viene raccontata tutt’oggi.

LEGGI ANCHE: Capodanno cinese a Milano: il 25 gennaio si festeggia l’anno del topo

La leggenda del mostro Nian

Secondo la mitologia cinese, la festa del capodanno risale ad un’antica leggenda che parla di un mostro che viveva in Cina. Il suo nome era Nian, ed era solito uscire dalla sua tana una volta ogni dodici mesi per mangiare gli esseri umani. Quest’ultimi, per evitare di essere divorati dal mostro, lo spaventavano con forti rumori e mostrando il colore rosso, particolarmente sensibile e terrorizzato da ciò. Per questo motivo, secondo la leggenda, si festeggia una volta l’anno praticando danze, fuochi d’artificio e utilizzando questo colore.

La Danza del Leone

Durante questo evento, i cinesi sono soliti effettuare la Danza del Leone. Consiste in una parata che si svolge per le vie della città a base di tamburi chiassosi nella quale viene rappresentato un manichino con la faccia di un leone. Questa danza viene praticata per scacciare via gli spiriti cattivi e favorire l’arrivo della fortuna nel nuovo anno.

Come si festeggia oggi il capodanno cinese

La festività del nuovo anno ha una durata di ben due settimane. Questa festa inizia con la vigilia dove, solitamente, si consuma un banchetto in famiglia, e termina la sera del quindicesimo giorno con la festa delle lanterne. Durante quei giorni di festeggiamenti, la gente è solita fare visita ad amici e parenti, addobbare le strade e le case con oggetti caratteristici e vestire il più possibile abiti di colore rosso.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it