Stan Kirsch è morto per suicidio: carriera e chi era l’attore

Pubblicato il 15 Gennaio 2020 alle 13:36 Autore: Daniele Sforza

Stan Kirsch è morto: l’attore 51enne è stato trovato impiccato nella sua casa di Los Angeles. Ecco chi era l’attore e dove l’abbiamo già visto.

Stan Kirsch è morto per suicidio
Stan Kirsch è morto per suicidio: carriera e chi era l’attore

Stan Kirsch è morto lo scorso sabato 11 gennaio 2020, tuttavia la notizia è emersa solo poche ore fa. A ritrovare il corpo impiccato dell’attore 51enne è stata la moglie, Kristyn Green. Non si conoscono ancora le motivazioni dell’estremo gesto: non c’è stato neppure alcun tentativo di rianimarlo, perché una volta giunti sul posto i soccorsi non si è potuto fare a meno di constatare il decesso dell’attore.

Stan Kirsch è morto a 51 anni: ecco chi era l’attore

Stan Kirsch nasce a New York il 15 luglio 1968 e inizia a recitare all’età di 4 anni, diventando il volto di punta nelle pubblicità delle zuppe Campbell. A 24 anni prende parte nel cast della soap opera General Hospital, ma è la serie Highlander, spin-off nato dal film Highlander – L’ultimo immortale, andata in onda dal 1992 al 1997, nella quale interpretava il ruolo di Richie Ryan. La sua presenza nella serie termina nella sesta stagione, anche se è accreditato il suo ritorno nell’episodio conclusivo della serie.

Kirsch si vede poi anche in altre serie tv di successo come JAG – Avvocati in divisa o In tribunale con Lynn, mentre in molti lo ricorderanno come l’amante minorenne di Monica Geller nella sit-com di culto Friends. Nel 2004 è regista, produttore e attore del suo primo e unico film: Straight Eye: The Movie.

L’attore era assente dallo schermo televisivo da circa un decennio. La moglie ha voluto ringraziare tutti sui canali social per i messaggi di cordoglio pervenuti. Anche il team di Highlander ha voluto omaggiare l’attore con un messaggio sulla pagina Facebook. “Senza Stan Kirsch la serie di Highlander non sarebbe stata la stessa. Lui ha portato il senso dell’umorismo, la gentilezza e l’entusiasmo giovanile per il personaggio di Richie Ryan per sei stagioni. Ogni volta che abbiamo avuto l’opportunità di metterci al passo con Stan era sempre gentile, premuroso e sincero. Era una presenza calorosa e adesso ci mancherà”.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →