Governo Salvini-Meloni? Ecco come sarebbe l’eventuale squadra

Pubblicato il 6 Febbraio 2020 alle 13:20
Aggiornato il: 8 Febbraio 2020 alle 23:02
Autore: Alessandro Faggiano

Governo Salvini-Meloni? Ecco come sarebbe la squadra. L’indiscrezione arriva da Affaritaliani.it. Salvini premier; Meloni al Viminale. Giorgetti al Mef

governo salvini-meloni ecco la squadra
Governo Salvini-Meloni? Ecco come sarebbe l’eventuale squadra

I risultati delle elezioni in Emilia-Romagna hanno scongiurato, almeno per ora, l’apertura di una crisi interna alla maggioranza. Con un PD che ne esce rafforzato e un Movimento 5 Stelle alla ricerca del bandolo della matassa (e gli Stati generali alla vista), l’esecutivo giallo-rosso sembra possa andare avanti senza particolari patemi (per ora). Ciò nonostante, l’opposizione continua a chiedere un ritorno alle urne – seppur con meno veemenza rispetto a qualche settimana fa – e prepara la squadra di un futuro esecutivo a trazione leghista.

Secondo fonti di Affaritaliani.it, Lega e Fratelli d’Italia avrebbero già una squadra di governo pronta. Qualora i due partiti più a destra dello scacchiere ideologico riuscissero a ottenere la maggioranza assoluta, potrebbero tagliar fuori i forzisti di Berlusconi. Una eventualità non da escludere, considerando che FI è diventata a tutti gli effetti la terza gamba della coalizione. Vediamo, secondo le fonti del noto portale informativo, chi sarebbero i ministri di un futuro governo Lega-FDI.

Governo Salvini-Meloni: il premier sarebbe il leader del carroccio

Secondo le informazioni riportate da Affaritaliani.it, la Lega avrebbe più del doppio dei dicasteri (14) rispetto a Fratelli d’Italia (6). Tuttavia, il partito della Meloni potrebbe avere alcuni ministeri chiave come il Viminale, la Farnesina e il Ministero della Difesa. Per l’Economia e la Giustizia, invece, ci sono pesi massimi del carroccio. Spicca la presenza di Lucia Borgonzoni, inserita nella lista come ministra per i Beni Culturali. La sua nomina a sottosegretaria ai Beni Culturali nel 2018 fece molto discutere in quanto, in un’intervista, affermò di non aver letto nemmeno un libro negli ultimi tre anni.

La squadra della Lega: Salvini Presidente con Giorgetti all’Economia

Matteo Salvini – Presidente del Consiglio dei Ministri

Nicola Molteni – Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Alessandro Morelli – Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega all’Editoria

Giancarlo Giorgetti – Ministero dell’Economia e delle Finanze

Erika Stefani – Ministero delle Autonomie e delle riforme istituzionali

Claudio Durigon – Ministero del Lavoro

Riccardo Molinari – Ministero dello Sviluppo Economico

Edoardo Rixi – Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Giulia Bongiorno – Ministero della Giustizia

Lucia Borgonzoni – Ministero dei Beni Culturali

Gian Marco Centinaio – Ministero delle Politiche Agricole e del Turismo

Alessandra Locatelli – Ministero della Famiglia

Lorenzo Fontana – Ministero per gli Affari Europei

Luca Coletto – Ministero della Salute

La squadra di Fratelli d’Italia al Governo: Giorgia Meloni al Viminale con Crosetto alla Difesa

Giorgia Meloni – Ministero dell’Interno

Carlo Fidanza – Ministero degli Esteri

Guido Crosetto – Ministero della Difesa

Fabio Rampelli – Ministro per i Rapporti con il Parlamento

Edmondo Cirielli – Ministero per lo Sviluppo del Mezzogiorno

Francesco Lollobrigida – Ministero per la Pubblica Amministrazione

Alla Presidenza della Camera andrebbe Ignazio La Russa (FDI), mentre a Palazzo Madama posto all’esperto Roberto Calderoli (Lega). Indecisione sul MIUR, per il quale non è stato segnalato alcun nome specifico ma che, presumibilmente, possa essere una personalità vicina al mondo accademico.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Alessandro Faggiano

Caporedattore di Termometro Sportivo e Termometro Quotidiano. Analista politico e politologo. Laureato in Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Salerno e con un master in analisi politica conseguito presso l'Universidad Complutense de Madrid (UCM).
Tutti gli articoli di Alessandro Faggiano →