Rc auto familiare 2020 e veicolo già assicurato, ecco perché non si applica

Pubblicato il 20 Febbraio 2020 alle 15:07 Autore: Daniele Sforza

Rc auto familiare 2020 con veicolo già assicurato non si applica: ecco quanto stabilito dalla normativa entrata in vigore a febbraio.

RC auto familiare 2020 con veicolo già assicurato
Rc auto familiare 2020 e veicolo già assicurato, ecco perché non si applica

Da diverse settimane si sente parlare di Rc auto familiare 2020: si tratta della possibilità di usufruire della migliore classe di merito all’interno del nucleo familiare per ogni veicolo acquistato. In questo modo non si partirebbe da una classe intermedia, così com’è stato finora, ma dalla migliore classe di merito, per l’appunto, cosa che potrebbe portare vantaggi tariffari, anche se non tutti sono d’accordo.

RC auto familiare 2020: quando non si applica

Entrata in vigore questo mese, la Rc auto familiare 2020 non si applica però su un veicolo già assicurato, neppure se questo risulta in scadenza. Infatti la norma prevede che la Rc auto familiare non si applica ai veicoli, indifferente se si tratta di automobili o moto, che siano già assicurati e di proprietà di uno dei membri della famiglia. Sostanzialmente, l’estensione della classe di merito si applica solo ed esclusivamente quando un componente del nucleo familiare acquista un veicolo, che può essere sia nuovo sia usato.

Pertanto, chi sta pensando di voler “aggrapparsi” alla migliore classe di merito all’interno del nucleo perché la polizza assicurativa annuale applicata sul veicolo sta per scadere, dovrà ricredersi: la Rc auto familiare si applica solo sui veicoli acquistati e non su quelli già in proprio possesso.

Assicurazione auto familiare in vigore: problemi compagnie, cosa fare

RC auto familiare 2020: le ultime novità

Intanto, come riporta Federico Formica su Repubblica, un emendamento al decreto Milleproroghe prevede un declassamento importante (fino a 5 classi di merito) per chi utilizza la norma della Rc Auto familiare, ma poi è responsabile di un incidente. Solo a chi stipula una nuova polizza assicurativa in questo momento, ovvero prima dell’approvazione definitiva del decreto, la cosa non riguarderà. L’inghippo è reso possibile perché la Rc auto familiare è già in vigore (da lunedì 17 febbraio), ma il Milleproroghe deve essere ancora approvato in via definitiva. Ciò significa che se ci si appoggia alla Rc auto familiare in questo periodo “di buco” e poi si causa un incidente, non si sarà sanzionati con il maxi-declassamento, cosa che avverrebbe sicuramente dopo l’approvazione del decreto.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →