Coronavirus ultime notizie: curva contagio in calo, previsioni fase 2

Pubblicato il 8 Aprile 2020 alle 09:10
Aggiornato il: 10 Aprile 2020 alle 00:38
Autore: Daniele Sforza

Coronavirus ultime notizie: la curva del contagio è finalmente in calo? Ecco le previsioni sulla fase 2, quando inizia e come sarà.

Coronavirus ultime notizie curva contagi in calo
Coronavirus ultime notizie: curva contagio in calo, previsioni fase 2

Coronavirus ultime notizie: dati rassicuranti considerando gli ultimi bollettini, con una curva del contagio che si segnala in calo. Sarà necessario attendere i prossimi giorni per vedere la conferma di questo risultato, ma la trasmissione sta diminuendo in Italia e in Lombardia, sebbene sia ancora necessaria molta cautela e bisognerà prestare attenzione anche nelle prossime settimane. Si può iniziare a pensare seriamente alla Fase 2: non sarà un via libera totale, ma il ritorno alla normalità – se così si può chiamare – sarà lento, graduale e scaglionato.

Coronavirus ultime notizie: curva del contagio in calo

Ieri sono stati segnalati 3.039 contagi, ovvero 550 in meno rispetto al giorno prima. Il trend è al 2,29%, mentre domenica scorsa era al 3,46%. Questo significa che ci troviamo di fronte al terzo giorno consecutivo di calo. I nuovi attuali positivi ricoverati o in isolamento domiciliare sono scesi a 880, ovvero 78 persone in meno ricoverate negli ospedali Covid, 106 in meno ricoverati in terapia intensiva. Altro segnale positivo arriva dal numero dei guariti (1.555 in 24 ore), mentre i decessi (604 ieri) sono ancora tanti, ma anch’essi in calo.

Della discesa ne ha parlato anche il direttore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Iss Gianni Rezza: “Finalmente sembra che si inizi a vedere una diminuzione del numero di nuovi casi: se lo mettessimo su una curva epidemica giorno dopo giorno ora, dopo una fase di plateau, sembra esserci una discesa dei nuovi casi”. Ci vuole ancora cautela, sebbene la curva “tende a scendere in basso” e “la situazione sembra migliorare” come previsto dai modelli matematici che presagivano per questo periodo una riduzione del parametro R. “Speriamo di assistere a una flessione, tenendo sempre a mente che questo virus resterà nella popolazione anche se calano i casi”.

Coronavirus ultime notizie: i casi ripartiti per Regione

Nella seguente tabella i casi positivi ripartiti per Regione e la differenza rispetto al giorno precedente.

RegioneCasi positiviDifferenza rispetto al giorno precedente
Lombardia791-298
Emilia Romagna13.048-3
Piemonte10.704+159
Veneto9.965+243
Marche3.738+32
Toscana5.427+126
Liguria3.212+35
Lazio3.365+65
Campania2.765+67
Puglia2.137+22
Trentino Alto Adige1.890+52
Sicilia1.859+44
Abruzzo1.491+66
Friuli Venezia Giulia1.379-17
Provincia Autonoma di Bolzano1.301+41
Umbria846-26
Valle d’Aosta593+26
Sardegna821+2
Calabria733+11
Basilicata265+3
Molise185-2

Le previsioni sulla Fase 2

Non sarà un “tana libera tutti”, ha dichiarato Rezza, perché tra una settimana il valore dei contagi non scenderà allo zero assoluto. Il virus continuerà invece a restare tra noi, quindi continuerà a circolare, ma se vengono adottate le giuste misure di contenimento e le adeguate restrizioni si potranno vincere altre battaglie. Il ritorno alla normalità sarà in ogni caso lento e graduale, spezzettato tra metà aprile e metà maggio. Apriranno alcune attività professionali, ma non bar e ristoranti che saranno gli ultimi ad aprire solo se verranno rispettate certe misure (distanziamento tra tavoli e tra persone, mascherine, etc.) con conseguenze dirette sull’economia dell’attività.

Quasi scontata la divisione in due passaggi della fase 2: la prima riguarderà il lavoro e le attività professionali, la seconda i cittadini. Già subito dopo Pasquetta potrebbero riaprire alcune attività. Entro la fine di questa settimana dovrebbero esserci aggiornamenti ufficiali a riguardo.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →