Coronavirus Calabria, ultime notizie: morti, contagiati al 20 Aprile

Pubblicato il 20 Aprile 2020 alle 19:23
Aggiornato il: 22 Aprile 2020 alle 13:27
Autore: Alessandra Calabrese
Coronavirus Calabria coronavirus Puglia, ultime notizie: morti, contagiati al 17 Aprile

Coronavirus Calabria, ultime notizie: morti, contagiati al 20 Aprile

Il Coronavirus in Italia comincia a dare dei risultati positivi: oggi per la prima volta c’è stato un decremento degli casi attualmente positivi.

Tra tutte regioni colpite dal Coronavirus, in questo articolo, prendiamo in considerazione la Calabria che ad oggi conta 1.035 attuali contagiati (+24 rispetto a ieri), 75 decessi (nonché due in più nelle ultime 24 ore) e 116 guariti (+10 in confronto a ieri).

Ormai da un paio di giorni l’economia italiana va verso il re-start. Le prime riapertura hanno interessato librerie, cartolerie, negozi di abbigliamento per neonati e bambini. Ad oggi ulteriori prossime e probabili aperture potrebbero riguardare i cantieri edilizi e altre fabbriche per la produzione di beni essenziali.

Clicca qui per tutte le ultime statistiche aggiornate sull’epidemia da covid-19 in Italia: il nostro speciale

Coronavirus notizie generali in Italia

Vediamo oggi per la prima volta una leggera flessione negativa della curva dei contagi. Oggi l’Italia conta 24.906 casi di Coronavirus ricoverati con sintomi (lo 0,5% in meno rispetto a ieri), 2.573 ricoverati in terapia intensiva (il 2,4% in meno rispetto a ieri), 80.758 in isolamento domiciliare (lo 0,2% in meno rispetto a ieri), 48.877 tra dimessi e guariti nelle ultime 24 ore (il 3,9% in più di ieri), 24.114 decessi (l’1,9% in più nelle ultime 24 ore) per un numero di attuali casi positivi di 108.237 (per un corrispettivo dello 0,0%) e per un totale complessivo di 181.228 casi dall’inizio della pandemia.

Questi dati permettono a tutti gli italiani di cominciare a vedere una via d’uscita, permettono di far riaffiorare la speranza di poter tornare ad una vita il più possibile vicino a quella vissuta fino ad ora. Certo, non si può minimamente pensare di tornare alla così detta “normalità” e i cittadini dovrebbero potersi abituare a delle normative restrittive e di controllo. Il dibattito è in pieno fermento, mentre la fase 2, quella della ripartenza, si avvicina sempre di più.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it