Vaccino coronavirus: altri passi avanti per Moderna Inc.

Pubblicato il 7 Maggio 2020 alle 23:08 Autore: Eugenio Galioto

Vaccino coronavirus:Moderna In ha annunciato l’inizio degli studi della fase 2.A luglio pronti già i primi lotti. Poi 1 miliardo di dosi all’anno.

covid a sinistra e ricercatrice con vaccino a destra, al centro "stop"
Vaccino coronavirus: altri passi avanti per Moderna Inc.

La notizia tanto attesa finalmente è giunta: Moderna Inc., l’azienda statunitense di cui abbiamo seguito l’evoluzione nello studio sul vaccino contro il coronavirus, ha finalmente annunciato di essere vicina al completamento del vaccino.

“L’imminente inizio dello studio di Fase 2 – fa sapere l’azienda – è un passo avanti fondamentale mentre continuiamo a far progredire lo sviluppo clinico di mRNA-1273“, il vaccino contro il coronavirus.

Lo studio della Fase 3 – l’ultima fase sperimentale, consistente nella somministrazione del vaccino a diverse coorti, quindi la più importante -è prevista per l’inizio di quest’estate.

Per quest’obiettivo, fa sapere Moderna Inc., si sta potenziando la partnership con Lonza, l‘azienda farmaceutica svizzera con cui Moderna Inc. ha stretto un accordo settimane fa, proprio in vista della realizzazione e produzione del vaccino contro il coronavirus. Sarà proprio Lonza, infatti, a consentire la produzione e distribuzione di lotti del vaccino mRNA-1273,

“Stiamo continuando a progredire nella nostra pipeline di sviluppo e investendo nel nostro futuro – fa sapere Stéphane Bancel, Amministratore delegato di Moderna – Siamo molto soddisfatti della decisione dei nostri vertici, basata sui nostri progressi pre-clinici, di estendere la nostra collaborazione strategica lavorando allo sviluppo della tecnologia mRNA” che, ricordiamo, è una specifica forma stabilizzata di prefusione della proteina Spike (S), che si basa sulla sollecitazione da parte delle cellule umane a produrre proteine ​​intracellulari.

Moderna: a luglio i primi lotti, poi 1 miliardo di dosi all’anno

L’azienda si sta inoltre preparando a presentare le domande di licenza biologica necessarie al potenziale lancio del vaccino contro il coronavirus, la cui diffusione, c’è da auspicare, avvenga nel 2021.

Per questo motivo, il direttore finanziario di Moderna, Lorence Kim lascerà la società ad agosto dopo sei anni di servizio, ma entreranno a far parte del team tre tra i migliori ricercatori statunitensi (Charbel Haber, Jacqueline Miller, Patrick Bergstedt), “tre nuovi leader senior, che offrono una vasta esperienza nello sviluppo clinico, regolatorio e commerciale, mentre iniziamo a orientarci verso lo sviluppo e la commercializzazione in fase avanzata”, ha affermato Stéphane Bancel.

Per luglio 2020 si prevede la produzione dei primi lotti del vaccino mRNA-1273 contro il coronavirus da parte delle strutture di Lonza negli Stati Uniti. Nei successivi mesi, verranno prodotti fino a 1 miliardo di dosi di mRNA-1273 all’anno, per poi diffondere e commercializzare il vaccino in tutto il mondo.

Vaccino coronavirus: a che punto siamo?

Lo scorso 27 aprile, Moderna Inc. ha annunciato di aver avviato gli studi della Fase 2, ovvero la fase avanzata del test del vaccino mRNA-1273, che si avvale del supporto fornito dai dati della Fase 1. Ovviamente, la rapidità dell’operazione dipenderà dalla capacità del vaccino di garantire la propria efficacia in condizioni di sicurezza e senza effetti collaterali o gravi complicazioni a danni della salute dei partecipanti sottoposti al test.

Nella fattispecie, lo studio della Fase 2 valuterà la sicurezza e l’efficacia del vaccino, vale a dire la reattogenicità e l’immunogenicità di due vaccinazioni di mRNA-1273 a distanza di 28 giorni l’uno dall’altro.

A ciascun soggetto verrà assegnato un placebo, una dose di 50 μg o 250 μg ad entrambe le vaccinazioni. La società intende avvalersi di 600 partecipanti sani, divisi in due distinti gruppi di adulti: uno di età compresa tra 18 e 55 anni e l’altro di età superiore ai 55 anni. Dopo la seconda vaccinazione, verrà monitorata la salute dei partecipanti per i successivi 12 mesi.

Moderna Inc. è stata autorizzata dalla Food and Drug Administration (FDA) a procedere con lo studio della fase 2, mentre per il Protocollo di finalizzazione per lo studio della fase 3 – l’ultimo, prima dell’annuncio ufficiale del vaccino anti-coronavirus – si dovrà attendere l’inizio dell’estate del 2020.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Eugenio Galioto

Sociologo, un passato da ricercatore sociale e un presente da analista politico. Scrivo principalmente di economia e politica interna. Amo il jazz, ma considero l'improvvisazione qualcosa che solo i virtuosi possono permettersi.
Tutti gli articoli di Eugenio Galioto →