Buoni fruttiferi postali: rimborso importo, la vittoria dell’Adiconsum

Pubblicato il 22 Maggio 2020 alle 10:52 Autore: Daniele Sforza

Ultimi aggiornamenti sui buoni fruttiferi postali e sul rimborso degli importi: Adiconsum sorride. Ecco perché e cosa succede.

Buoni fruttiferi postali rimborso importo
Buoni fruttiferi postali: rimborso importo, la vittoria dell’Adiconsum

Ultime notizie sui buoni fruttiferi postali: torniamo a parlare di rimborso degli interessi ai risparmiatori. Un nuovo episodio è accaduto in Basilicata, dove Adiconsum ha aiutato un sottoscrittore dei buoni a presentare ricorso all’Arbitro Bancario Finanziario a proposito degli ormai arcinoti buoni fruttiferi trentennali, al fine di ottenere il rimborso effettivamente spettante che però in un primo momento Poste Italiane ha rifiutato di erogare.

Buoni fruttiferi postali: nuovo rimborso al risparmiatore

Ormai abbiamo trattato diverse volte la questione dei buoni trentennali e le modalità del ricorso e del successivo rimborso sono più o meno le stesse. Si tratta di un caso che spesso risale alle cronache locali e che riguarda l’illegittima decurtazione degli interessi da parte di Poste Italiane, che fa affidamento a un decreto ministeriale (quello famoso del 1° luglio 1986 che dimezza gli interessi dei buoni) senza però verificare che sui buoni sottoscritti anzitempo sia stata eseguita la giusta procedura.

La decisione dell’Arbitro Bancario Finanziario

Per l’episodio in questione l’Arbitro Bancario Finanziario ha obbligato Poste Italiane a rimborsare i 4 buoni fruttiferi sottoscritti dal risparmiatore lucano “applicando le condizioni originariamente risultanti dai titoli stessi”. La decisione risale allo scorso 28 aprile e ha contribuito a ribadire il diritto per i sottoscrittori dei buoni a interessi più elevati, costituendo così un altro precedente in materia di rimborso dei rendimenti sui Bfp. Ciò porterà molti sottoscrittori di buoni fruttiferi che si trovano nella stessa situazione a rivolgersi all’assistenza legale, anche delle associazioni dei consumatori, allo scopo di tutelare la propria posizione e rivendicare il rimborso spettante, che Poste ha erogato a un livello inferiore rispetto a quanto previsto. Va tuttavia precisato che ogni caso va trattato singolarmente per capire le vere potenzialità di successo.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →