Distanziamento aerei coronavirus: le istruzioni dell’Enac, quanti metri servono

Pubblicato il 3 Giugno 2020 alle 13:37
Aggiornato il: 24 Giugno 2020 alle 23:32
Autore: Guglielmo Sano

Distanziamento aerei coronavirus: arrivano le indicazioni dell’Enac. Ammorbidite le norme sulla distanza tra i passeggeri a bordo dei velivoli

Ragazza in aeroporto
Distanziamento aerei coronavirus: le istruzioni dell’Enac, quanti metri servono

Distanziamento aerei coronavirus: arrivano le indicazioni dell’Enac a seguito dell’emergenza sanitaria. Ammorbidite le norme sulla distanza tra i passeggeri a bordo dei velivoli.

Distanziamento aerei coronavirus: si potrà riempire circa il 66% dei posti disponibili

L’Enac ha stabilito, allineandosi alle autorità europee e mondiali del trasporto aereo Easa e Iata, che le compagnie potranno riempire circa il 66% dei posti disponibili a bordo dei velivoli. Dunque, non è, di fatto, più obbligatorio far mantenere la distanza di un metro tra i passeggeri. Infatti, come ha spiegato il direttore generale dell’Ente Alessio Quaranta in una lettera indirizzata a tutti gli operatori di trasporto pubblico, tale distanza non dovrà essere misurata dal bordo ma tra i punti mediani di due sedili adiacenti (più o meno dove poggia la testa).

In sostanza, tanto per fare un esempio, sugli aeromobili che hanno tre posti l’uno accanto all’altro si potranno occupare solo i sedili lato passeggero e lato finestrino, lasciando libero il posto in mezzo, insomma. Facile capire a questo punto che un passeggero siede su tutto il sedile e non a metà dello stesso: quindi, la distanza di un metro non sarà tra un passeggero e l’altro ma tra la metà del posto lato corridoio e la metà del posto lato finestrino, tra l’altro, sempre se si mantiene lo schienale dei sedili in posizione verticale per tutto il volo.

Coronavirus ultime notizie: contagi Lombardia in aumento, la situazione

Si potrà volare in sicurezza solo con la mascherina

Distanziamento aerei coronavirus – Probabilmente sulle disposizioni dell’Enac hanno pesato le allarmanti proiezioni sulla perdita di viaggiatori per le compagnie aeree a causa del lockdown. Quasi 50 milioni di passeggeri finora sarebbero andati persi per colpa dell’epidemia: una cifra che potrebbe causare danni permanenti a molti attori del comparto. Quindi, percorrere la strada della rigida applicazione della distanza tra i passeggeri, perseguita per quanto si sa al momento solo in Italia, è stata accantonata in favore dell’obbligo di indossare la mascherina, misura che dovrebbe consentire di volare in tutta sicurezza secondo le autorità del trasporto aereo.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →