Concorso Ministero Giustizia 2020: 2700 posti per diplomati, le novità

Pubblicato il 4 Giugno 2020 alle 12:49
Aggiornato il: 24 Giugno 2020 alle 23:31
Autore: Daniele Sforza

Ultimi aggiornamenti sul concorso Ministero Giustizia 2020, con 2.700 posti a disposizione per diplomati. Tutte le novità.

Concorso Ministero Giustizia 2020
Concorso Ministero Giustizia 2020: 2700 posti per diplomati, le novità

Nuovo concorso Ministero Giustizia entro l’estate 2020: previsto infatti un bando di concorso per Cancellieri Esperti, con 2.700 posti disponibili da ripartire su tutto il territorio italiano. Il riferimento dei concorsi per il Ministero della Giustizia da bandire nei prossimi mesi rimanda all’articolo 252 del Decreto Rilancio. Come redatto nel primo comma di questo articolo, il Ministero della Giustizia può avviare le procedure autorizzate per il reclutamento delle 2.700 figure entro 90 giorni dall’entrata in vigore del Decreto Rilancio. Per questo motivo, entro il mese di agosto 2020 dovrà uscire il nuovo bando.

Concorso Ministero Giustizia 2020: cosa fanno i Cancellieri Esperti

Per le mansioni che dovranno ricoprire i cancellieri esperti si rimanda al Decreto 7 novembre 2019, in cui si illustrano i seguenti compiti che i candidati selezionati dovranno assolvere, ovvero assistere i magistrati nelle attività di istruttoria o dibattimento, redigere e sottoscrivere verbali, nonché occuparsi del rilascio di copie conformi e ricezione di atti cartacei o telematici.

Concorso Cancellieri Esperti 2020: requisiti

I requisiti richiesti per partecipare al concorso sono quelli che generalmente sono necessari per partecipare a qualsiasi concorso indetto dalla pubblica amministrazione. Non ci sono limiti di età e il titolo di studio minimo richiesto è il diploma di maturità. Inoltre, per aumentare il punteggio da attribuire, è richiesta almeno una delle seguenti esperienze:

  • Aver svolto almeno tre anni di servizio nell’amministrazione giudiziaria, senza demerito;
  • Aver svolto, per almeno un anno, le funzioni di magistrato onorario senza essere incorso in sanzioni disciplinari;
  • Essere stato iscritto all’albo professionale degli avvocati, per almeno due anni consecutivi, senza essere incorso in sanzioni disciplinari;
  • Aver svolto, per almeno cinque anni scolastici interi, attività di docente di materie giuridiche nella classe di concorso A-46 Scienze Giuridico-Economiche (ex 19/A) presso scuole secondarie di II grado. In tale computo rientrano anche i periodi di docenza svolti in attività di supplenza annuale;
  • Aver prestato servizio per almeno cinque anni nelle forze di polizia a ordinamento civile o militare, nel ruolo di ispettori o ruoli superiori.

Concorso Ministero Giustizia 2020: domanda di presentazione

Per quanto riguarda la richiesta di ammissione al concorso, bisognerà inviare la domanda entro 30 giorni dalla pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale. L’invio dovrà essere effettuato in via telematica.

Le prove

Le prove si svolgeranno sulla base di titoli e tramite colloquio orale. Contribuisce al punteggio finale l’anzianità di servizio, il voto relativo al titolo di studio richiesti ed eventuali titoli aggiuntivi o tirocini effettuati presso uffici giudiziari.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →