Diritti tv Serie A Sky: divieto esclusiva online, cosa cambia nel 2021

Pubblicato il 5 Giugno 2020 alle 14:45 Autore: Daniele Sforza

Ultimi aggiornamenti sulla questione diritti tv delle partite di Serie A su Sky: ecco quali potrebbero essere le novità più importanti nel 2021.

Diritti tv serie A Sky
Diritti tv Serie A Sky: divieto esclusiva online, cosa cambia nel 2021

Si aggiunge un nuovo tassello alla questione dei diritti tv per le partite di Serie A e che ha come protagonista Sky. Infatti, a partire dal 2021, la pay tv non potrà più trasmettere in esclusiva la Serie A in streaming online, e quindi su internet. In breve, Sky non avrà più l’esclusiva online, e le partite del campionato di Serie A potranno essere trasmesse anche da altre emittenti. Così ha stabilito il Consiglio di Stato con apposita sentenza, dando ragione all’accusa di eccesso di posizione dominante perpetrata dall’Antitrust nei confronti di Sky.

Diritti tv Serie A: dal 2021 non ci sarà solo Sky

La fine dell’esclusiva Sky su internet è motivata dalla volontà di rilanciare la concorrenza sui diritti di ritrasmissione delle partite, visto che non sembra esserci una grande rivalità tra Dazn e Sky; ciò anche a causa dell’immissione del canale Dazn su Sky, che non alimenta dunque la giusta concorrenza. Ciò significa che a partire dalla stagione calcistica 2021-2022 non ci sarà più NowTv e per vedere le partite online si potrà fare affidamento ad altre piattaforme, come sta già accadendo all’estero (ad esempio Amazon in Germania).

Le conseguenze sul futuro saranno più che importanti. A ottobre saranno pubblicati i bandi relativi alle annate 2021-2024 e la sentenza del Consiglio di Stato avrà un’influenza decisiva sull’offerta che aveva in mente Sky di proporre per tenere il pacchetto completo (tv e online). La sentenza, invece, cambia letteralmente le carte in tavola e apre ai competitors, stimolando la concorrenza e spingendo i prezzi al ribasso.  Sky sta pensando alla possibilità di effettuare nuovi controricorsi.

Intanto dovrebbe essere risolta la questione dei pagamenti relativi ai diritti di trasmissione delle partite di questa fine campionato, con Dazn e Img, che avevano richiesto il dilazionamento dei pagamenti, che dovrebbero aver già pagato la propria tranche.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →