Quando inizia la scuola a settembre 2020 e differenze per regioni

Pubblicato il 29 Giugno 2020 alle 10:07 Autore: Daniele Sforza

Scuola settembre 2020: ormai è ufficiale, ecco quando si torna in classe, come e se ci sono differenze tra una regione e l’altra.

Scuola settembre 2020 quando inizia
Quando inizia la scuola a settembre 2020 e differenze per regioni

Scuola settembre 2020: si torna in classe, tra i banchi, ma sarà diverso. Le nuove regole redatte dal comitato tecnico-scientifico sono orientate verso una politica di prevenzione e distanziamento sociale. 1 metro di distanza tra le “rime buccali” degli alunni, divieto di entrare a scuola con temperatura superiore a 37,5 gradi, ma anche se si avvertono sintomi riconducibili a problemi respiratori (il divieto vale per 3 giorni), ovviamente se si è stati in quarantena nelle ultime 2 settimane o se si hanno avuto contatti con persone positive o in quarantena. Le nuove regole valgono per insegnanti, docenti, personale Ata, ma anche genitori. Ancora non è noto cosa sarà deciso sulle mascherine da portare in aula e un nuovo parere dovrebbe arrivare a ridosso dal rientro a scuola, quindi a inizio settembre.

Scuola settembre 2020: come saranno le lezioni

Come saranno le lezioni nella nuova scuola? Dovrebbero tornare in modalità ordinaria, fatta eccezione per le scuole superiore, nelle quali sarà invece possibile operare ancora con una DaD (didattica a distanza) integrata, in presenza di condizioni tecnologiche accettabili. La parola d’ordine sarà ancora “evitare assembramenti”, pertanto si prevedono ingressi scaglionati e a orari differiti. Anche l’eventuale mensa prevede una riorganizzazione oraria o su più turni. Trova conferma “l’articolazione modulare di gruppi di alunni provenienti dalla stessa o da diverse classi o da diversi anni di corso”.

Costante igienizzazione degli spazi e assembramenti da evitare

Ovviamente i locali della scuola dovranno essere costantemente e adeguatamente igienizzati, mentre gli istituti dovranno prestare attenzione alle ordinarie regole anti-Covid, sempre nell’ottica di evitare assembramenti. Per questo motivo saranno tenute a “prevedere attività di funzionale organizzazione degli spazi esterni e interni, per evitare raggruppamenti o assembramenti e garantire ingressi, uscite, deflussi e distanziamenti adeguati in ogni fase della giornata scolastica, per alunni, famiglie, personale scolastico e non scolastico”.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →