Tribunali trasformati in aule di scuola: ecco la norma nel decreto Rilancio

Pubblicato il 20 Settembre 2020 alle 06:01 Autore: Claudio Garau

Tribunali utilizzati come spazi per l’insegnamento e per la presenza in classe degli alunni: la novità nella norma del decreto Rilancio

Tribunali trasformati in aule di scuola: ecco la norma nel decreto Rilancio
Tribunali trasformati in aule di scuola: ecco la norma nel decreto Rilancio

Ben sappiamo che l’accoppiata coronavirus e lockdown di fatto ha costituito un terremoto anche per tutto il settore scolastico, con il personale della scuola e gli alunni impossibilitati a recarsi negli edifici adibiti all’insegnamento, già da diversi mesi. Si sta tuttora discutendo se sia davvero possibile tornare sui banchi a partire dal prossimo settembre, secondo le consuete tempistiche dell’anno scolastico, ma si registrano posizioni non totalmente convergenti. Tra le possibilità concrete, quella della scuola anche al sabato, ingressi ed uscite scaglionate, vigilanza anti-assembramento e orari di lezione rivoluzionati. Ma anche la facoltà consentita nel decreto Rilancio, di utilizzare gli spazi dei tribunali come aule scolastiche. Vediamo più nel dettaglio.

Se ti interessa saperne di più sulla causa alla scuola, quando scatta e chi può farla, clicca qui.

Tribunali come scuole: è una possibilità per i Comuni

Come accennato facciamo riferimento ad una norma, inclusa nell’appena citato decreto, che autorizzerebbe un cambiamento della destinazione d’uso degli edifici originariamente adibiti ad attività giudiziaria, per utilizzarli come aule e quindi come spazi nuovi per gli studenti in classe, a partire dal prossimo settembre.

Non tribunali in piena attività – ovviamente – ma edifici anche di antica origine, non più usati come palazzi di giustizia, a seguito della riforma di qualche anno fa, che portò alla soppressione di non pochi uffici giudiziari. La decisione del cambio di destinazione spetta però al Comune, in modo che possa servirsi di questi luoghi per cercare di dare una soluzione a tutte le problematiche emerse per colpa del virus.

Il testo della norma nel decreto Rilancio

È l’art. 113 comma 2 bis a chiarire la portata della previsione in esame: “Al fine di attuare interventi e operazioni di sostegno e rilancio del sistema economico, produttivo e sociale in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, all’articolo 19,
terzo comma, della legge 30 marzo 1981, n. 119, il terzo periodo è sostituito dal seguente: «L’immobile può essere destinato all’amministrazione interessata per finalità diverse dall’edilizia giudiziaria, anche in considerazione di particolari condizioni, quali quelle determinate dall’emergenza epidemiologica da COVID-19
». Non solo quindi possibilità di destinare l’edificio ad aula di scuola, anche se la tendenza sembrebbe proprio di usare i vecchi tribunali principalmente per finalità didattiche.

Se ti interessa saperne di più sul primo concorso pubblico con bando online, clicca qui

Concludendo, sempre sul piano della tutela della sicurezza di chi si trova a scuola, e nella finalità di ottenere nuovi spazi, è ormai pronta la gara europea per l’acquisto di banchi innovativi, ovvero monoposto, finalizzati appunto ad impedire frequenti contatti tra alunni al momento del ritorno a scuola.

SEGUI TERMOMETROPOLITICO SU GOOGLE NEWS

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a 
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →