Prezzo benzina e petrolio a metà agosto 2020: valore e quotazione

Pubblicato il 11 Agosto 2020 alle 13:18 Autore: Daniele Sforza

Aggiornamenti sul prezzo benzina e petrolio di metà agosto 2020: ecco valore e quotazione aggiornate quando siamo all’11 agosto 2020.

Prezzo benzina e petrolio
Prezzo benzina e petrolio a metà agosto 2020: valore e quotazione

Prezzo benzina e petrolio: il punto della situazione aggiornato a metà agosto 2020. Il prezzo del petrolio continua la sua risalita dopo le flessioni registrate nella settimana precedente, che hanno portato la quotazione del WTI ad attestarsi a quota 41 dollari. Al momento in cui scriviamo il prezzo del barile di Brent ha un valore di 45,41 dollari (+0,93%), molto bene anche il WTI che viene scambiato a 42,49 dollari al barile (+1,31%).

Prezzo e valore petrolio: quotazione aggiornata all’11 agosto 2020

Quali sono le principali cause che scatenano il rialzo di questa settimana rispetto alla precedente? Stando a quanto riportano alcuni analisti e osservatori di mercato, l’ottimismo proviene dalla domanda asiatica, nonché dall’intenzione da parte dell’Iraq di aumentare i tagli alla produzione. A trascinare il prezzo del petrolio ci ha pensato prevalentemente il primo fattore, soprattutto dopo la resa pubblica dei conti da parte di Saudi Aramco, che è stata accompagnata dalla crescita della domanda nella regione asiatica. Come riferisce Money l’altro motivo scatenante proviene dall’Iraq: da qui provengono dichiarazioni (risalenti allo scorso venerdì) legate al taglio della produzione di ulteriori 400 mila barili al giorno nei mesi di agosto e settembre. In tal senso sono da sottolineare le dichiarazioni di Stephen Innes, market strategist di AxiCorp, per il quale “l’Arabia Saudita e l’Iraq che stringono migliori relazioni sull’accordo petrolifero rappresentano qualcosa di eccellente per le prospettive di conformità all’intesa”.

Prezzo benzina e gasolio: lievi flessioni, ma non ci sono grandi cambiamenti

L’ottimismo e i segnali positivi sul petrolio non si riflettono però sul costo del carburante nel nostro Paese, che non subisce grandi scossoni. Stando a quanto riporta la tabella di Quotidiano Energia sui dati dell’Osservatorio del Mise, il prezzo medio della benzina in modalità self si attesta a quota 1,407 euro al litro, con una riduzione di mezzo centesimo rispetto a una settimana fa, mentre il costo della benzina in modalità servizio si attesta a quota 1,557 euro al litro, con una riduzione di tre millesimi. Il prezzo medio più+ basso della benzina in modalità self è dato da Q8 (1,40ì1 euro al litro), mentre il più caro da Agip Eni (1,423 euro al litro). Per i No Logo il prezzo medio è di 1,393 euro al litro. Per quanto riguarda il prezzo in modalità servito il prezzo più conveniente è quello offerto da Tamoil (1,514 euro al litro), mentre quello più caro è offerto da Agip Eni (1,616 euro al litro).

Prezzo oro agosto 2020: nuovo record, la quotazione aggiornata

Leggero ribasso anche per il prezzo del gasolio, visto che il costo medio nazionale ammonta a 1,288 euro al litro (Q8 il meno caro, con 1,283 euro al litro, mentre il corso più salato è di Agip Eni, con 1,307 euro al litro). Per i no logo il costo medio + di 1,273 euro al litro. Il prezzo del gasolio in modalità servizio si riduce di tre millesimi attestandosi a quota 1,441 euro al litro (costo migliore Tamoil con 1,402 euro al litro, mentre il più salato è Agip Eni con 1,5 euro al litro).

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →