Sondaggi elettorali Euromedia: per 6 italiani su 10 crisi Lega è irreversibile

Pubblicato il 18 Agosto 2020 alle 17:02 Autore: Andrea Turco

Un anno fa,dai lettini del Papeete, iniziava la crisi di Salvini e della Lega. Una crisi che perdura tutt’ora,almeno secondo i sondaggi elettorali Euromedia

sondaggio, sondaggi euromedia, sondaggi elettorali euromedia
Sondaggi elettorali Euromedia: per 6 italiani su 10 crisi Lega è irreversibile

Un anno fa, dai lettini del Papeete, iniziava la crisi di Matteo Salvini e della Lega. Una crisi che perdura tutt’oggi, almeno secondo gli ultimi sondaggi elettorali Euromedia Research realizzati ad inizio agosto per La Stampa. Il 61,5% degli italiani, infatti, è convinto che la crisi che ha colpito il Carroccio sia irreversibile e proseguirà nei mesi a venire. Solo il 26,2% bolla il calo dei consensi della Lega come una semplice crisi temporanea destinata a finire presto. Secondo il 20,4% degli intervistati la colpa della crisi della Lega è del suo segretario Matteo Salvini. Appena il 2,2% dà la colpa al partito mentre il 36,2% divide la responsabilità del crollo dei consensi tra partito e leader. In un colloquio con l’Agi, la direttrice di Euromedia Research, Alessandra Ghisleri ha affermato che “Salvini ha pagato non esser più nella stanza dei bottoni e il mancato contatto con la gente, non poter andare nelle piazze” a causa dell’emergenza Covid. Non solo. “Le persone, che sono molto spaventate dai dati economici e temono la crisi, vorrebbero sentire parole più precise, nette e magari anche rassicuranti su quel che potrà accadere. Questo è più il tempo delle proposte che delle polemiche, dei pompieri più che degli incendiari” chiosa Ghisleri.

Ed è forse questo uno dei motivi che ha portato parte dell’elettorato leghista a spostare armi e bagagli tra le fila di Fratelli d’Italia. Secondo i sondaggi elettorali Euromedia, il partito di Giorgia Meloni viaggia con il piede sull’acceleratore: adesso sfiora il 15% con un +1,4% guadagnato nell’ultima settimana di luglio. Voti che sono stati “rubati” alla Lega che infatti perde l’1,6% scivolando al 24,9%.

Il Partito Democratico rimane indietro di quattro punti complice il passo indietro al 20,5%. Cresce dello 0,2% al 16% il Movimento 5 Stelle. Rimanendo nell’area di governo – sondata da Euromedia al 41,5% – si registra il calo di Italia Viva che scende sotto il 3% e di LeU al 2,1%.

Nel centrodestra Forza Italia guadagna quasi un punto crescendo al 6,8%. L’area che fa riferimento a Salvini, Meloni e Berlusconi, raccoglie il 47,6% dei consensi, in crescita dello 0,6% nonostante il momento nero vissuto dalla Lega.

Tra gli altri partiti, da sottolineare l’exploit di Azione che sale al 3,8%. Stabile invece all’1,6% +Europa mentre i Verdi sono dati all’1,3%. La quota di astenuti e indecisi è sostanzialmente stabile al 39,5%.

sondaggi elettorali euromedia
Fonte: Euromedia

Sondaggi elettorali Euromedia: nota metodologica

Data o periodo in cui è stato realizzato il sondaggio: dal 3 al 4 agosto. Campione casuale nazionale rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne secondo genere, età, livello di scolarità, area geografica di residenza, dimensione del comune di residenza. (1.000 interviste): 1.000 intervistati (interviste valide) – numero dei non rispondenti/rifiuti all’intervista: 1.488 – totale contatti effettuati: 2.488. Il margine di errore relativo ai risultati del sondaggio (livello di rappresentatività del campione del 95%) è +/- 3.1% per i valori percentuali relativi al totale degli intervistati (1.000 casi). Interviste telefoniche – metodologia C.A.T.I.-C.A.M.I.-C.A.W.I.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Andrea Turco

Classe 1986, dopo alcune esperienze presso le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano approda a Termometro Politico.. Dal gennaio 2014 collabora con il portale d'informazione Smartweek. Su Twitter è @andreaturcomi
Tutti gli articoli di Andrea Turco →