Obbligo mascherina dalle 18 alle 6: ecco le sanzioni per chi non la indossa

Pubblicato il 19 Agosto 2020 alle 10:27 Autore: Daniele Sforza

Obbligo mascherina dalle ore 18 alle ore 6 del mattino: ecco dove vige questo obbligo e cosa rischia chi non si adegua alla nuova disposizione.

Obbligo mascherina dalle 18 alle 6
Obbligo mascherina dalle 18 alle 6: ecco le sanzioni per chi non la indossa

Per contenere la crescita dei casi di coronavirus nel nostro Paese, il governo ha introdotto l’obbligo di indossare la mascherina nelle fasce serali e notturne, più precisamente dalle ore 18 alle ore 6. Obbligo mascherina e molti italiani si sono già indignati, altri l’hanno presa a ridere affermando che la mascherina allontana i vampiri, oppure che il virus attacca solo di notte. In realtà, dietro l’obbligo di indossare la mascherina nella fascia oraria 18-6 c’è la ferma intenzione di frenare i possibili contagi che possono avvenire durante i locali della movida, in luoghi pubblici (piazze e slarghi) e in tutti quei posti dove si possono creare assembramenti.

Obbligo mascherina dalle 18 alle 6: ecco perché

Come si legge nell’ordinanza, che ha decretato anche la chiusura delle discoteche fino al 7 settembre, vige l’obbligo di indossare la mascherina e proteggere dunque naso e bocca nei luoghi “all’aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico, nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie) ove per le caratteristiche fisiche sia più agevole il formarsi di assembramenti”. L’obiettivo del governo è quello di contenere la diffusione del contagio in un momento estremamente delicato, fine agosto, a ridosso dell’autunno, per evitare i numeri elevati che attualmente si stanno registrando negli altri Paesi.

Oltre alla chiusure delle discoteche e delle piste da ballo, il governo ha infatti introdotto anche l’obbligo del tampone per chi rientra da alcuni Paesi esteri, così come l’obbligo di utilizzare la mascherina dalle 18 alle 6. La maggior parte dei casi positivi al momento arriva infatti tramite le fasce della popolazione giovanile, tra chi rientra dalla vacanza all’estero a chi si riunisce in luoghi pubblici dove, causa il caldo e la voglia di tornare a una vita normale, si creano assembramenti di persone. Aperitivi, cene e feste all’aperto con intente afflusso di pubblico rischiano così di diventare importanti e pericolosi veicoli del virus, determinanti la creazione di nuovi focolai.

Sanzioni per chi trasgredisce: ecco l’importo

Quelle sopra citate sono le regole che valgono a livello nazionale: le Regioni avranno comunque facoltà di inasprire le regole, ma non potranno però allentare le misure restrittive, che resteranno in vigore fino al prossimo 7 settembre.

Per chi trasgredisce le nuove regole sono previste sanzioni pecuniarie: in quanto norma anti-Covid, infatti, chi viola la nuova regola e non indossa la mascherina nei luoghi indicati dovrà pagare una multa di 400 euro.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →