Concorsi pubblici: richiedere titoli di studio eccessivi illegittimo. A dirlo il Consiglio di Stato

Pubblicato il 31 Agosto 2020 alle 11:42
Aggiornato il: 3 Settembre 2020 alle 21:49
Autore: Guglielmo Sano

Secondo i sondaggi elettorali Winpoll, il governatore uscente avrebbe un vantaggio di quasi 30 punti sul suo principale avversario

Libri
Concorsi pubblici: richiedere titoli di studio eccessivi illegittimo. A dirlo il Consiglio di Stato

Concorsi pubblici: i bandi volti alla selezione di personale della Pubblica Amministrazione spesso richiedono titoli di studio eccessivi per la posizione per cui si concorre. Questa pratica è palesemente illegittima secondo il Consiglio di Stato.

Concorsi pubblici: richiedere titoli di studio eccessivi è illegittimo

Concorsi pubblici: le selezioni volte al reclutamento di personale della Pubblica Amministrazione spesso chiedono dei titoli di alta qualificazione anche eccessivi rispetto alla posizione lavorativa che andranno a occupare i vincitori. Tale pratica serve innanzitutto a ridurre la platea dei partecipanti ai concorsi: un fattore non indifferente dal punto di vista organizzativo.

D’altronde, non esiste una legge che disciplina la materia: ogni Pubblica Amministrazione ha sostanzialmente piena discrezionalità sui titoli da richiedere al momento di indire un bando. Tuttavia, sulla liceità di tale pratica è recentemente intervenuto il Consiglio di Stato: secondo l’organo richiedere titoli eccessivi rispetto alla posizione per cui si concorre è una pratica illegittima. I requisiti di selezione, insomma, devono essere proporzionati alla posizione per cui si concorre.

Pensioni ultime notizie: minime di garanzia fino a 780 euro. L’ipotesi

L’intervento del Consiglio di Stato

Come si scriveva prima non esiste una legge che disciplina la materia dei titoli che le Pubbliche Amministrazioni possono richiedere al momento di indire un bando. A queste è data sostanzialmente piena discrezionalità al momento di indicare la tipologia di titoli richiesti per ricoprire una posizione che si mette a bando. Tuttavia, il Consiglio di Stato con una sentenza ormai nota – la numero 6972 del 2019 – ha stabilito che i titoli di studio richiesti devono essere proporzionati alla posizione in palio.

Dunque, va bene tenere conto della preparazione dei candidati al momento di valutarne la competenza rispetto a una determinata mansione da svolgere mentre richiedere eccessivi titoli in fase di selezione è scorretto, contraddittorio e illogico dal punto di vista giurisprudenziale e del perseguimento dell’interesse pubblico.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →