Silvio Berlusconi positivo al Coronavirus: come sta e condizioni di salute

Pubblicato il 4 Settembre 2020 alle 12:39 Autore: Guglielmo Sano
Quarantena 7 giorni Italia: periodo ridotto come in Francia? L'ipotesi

Silvio Berlusconi positivo al Coronavirus: come sta e condizioni di salute

Silvio Berlusconi positivo al Coronavirus: il capo di Forza Italia è stato ricoverato per accertamenti al San Raffaele di Milano; dopo i primi esami gli è stata diagnosticata una polmonite bilaterale: carica virale non trascurabile riferiscono i medici dell’ospedale meneghino.

Silvio Berlusconi: resta ricoverato al San Raffaele

Silvio Berlusconi ricoverato al San Raffaele di Milano dopo essere stato trovato positivo al Sars Cov 2 negli scorsi giorni: l’ultima Tac ha evidenziato le tracce di una polmonite bilaterale allo stato precoce. Detto ciò, non è emersa finora nessuna particolare preoccupazione per la salute dell’ex premier: tra l’altro, lo staff che ne monitora il suo stato di salute esclude nettamente il trasferimento nel reparto di terapia intensiva, per quello che si sa finora; tuttavia, in particolare il suo medico personale Alberto Zangrillo, gli è stato caldamente raccomandato di rimanere sotto osservazione in ospedale in modo restare al riparo da qualsiasi rischio (Berlusconi ha comunque 84 anni e una situazione di complicate patologie pregresse). Infatti, anche la sua compagna e due dei suoi figli sono risultati positivi al nuovo coronavirus nelle scorse ore.

Polmonite bilaterale allo stato precoce

L’ultima tac a cui è stato sottoposto l’ex premier ha evidenziato delle tracce di polmonite bilaterale ad uno stadio precoce: la patologia, dunque, ha colpito il tessuto interstiziale – quello tra un alveolo e l’altro, in breve – di entrambi i polmoni. Anche se non risulta finora necessario il ricovero in terapia intensiva (in pochi giorni la malattia può comunque portare a un’insufficienza respiratoria grave), l’ex premier è sottoposto a ossigenoterapia: in pratica, gli viene somministrata una quantità aggiuntiva di ossigeno. Febbre tosse, respiro corto, brividi, spossatezza e sensazione di malessere generale sono tutti sintomi riconducibili alla polmonite di origine virale: il rischio di morte si alza sensibilmente per chi soffre di malattia croniche (soprattutto patologie respiratorie e cardiache), per gli immunodepressi, i bambini e gli anziani (la mortalità tra gli over 65 è di tre volte maggiore rispetto a quella riscontrata tra i giovani).

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →