Prenotazione vaccini over 50 al via, ma alcune Regioni hanno anticipato

Pubblicato il 12 Maggio 2021 alle 12:13 Autore: Claudio Garau
Zona Gialla: verso il cambiamento dei parametri. La conferma di Speranza

Prenotazione vaccini over 50 al via, ma alcune Regioni hanno anticipato

La campagna di vaccinazione contro il coronavirus è finalmente entrata nel vivo e mentre il commissario per l’emergenza Figliuolo pensa di poter toccare il record di un milione di vaccinati al giorno, il sottosegretario alla Salute Sileri ha recentemente dichiarato agli organi di informazione che: “Con 30 milioni di vaccinati, stop mascherine all’aperto“.

Insomma, siamo di fronte a numeri complessivamente confortanti, sia con riferimento al totale dei vaccinati in Italia, sia in relazione al calo dei nuovi contagi da coronavirus. Proprio dall’inizio di questa settimana, l’Italia può dunque aprire alla prenotazione vaccini. Da qualche giorno, la Struttura Commissariale ha dato il via libera all’avvio della prenotazione vaccini per la somministrazione anche per gli over 50, ossia per tutti i nati fino al 1971.

E’ chiaro però che detta apertura sarà progressiva e graduale ed andrà in ogni caso valutata nel tempo, in considerazione del buon andamento della campagna di somministrazione a livello nazionale per le categorie prioritarie, vale a dire over 80 e fragili, riportate nell’ordinanza n. 6 del 9 aprile 2021.

Se ti interessa saperne di più sulle nuove due mensilità del reddito di emergenza nel decreto Sostegni bis, clicca qui.

Prenotazione vaccini over 50: le parole del commissario per l’emergenza

La prenotazione vaccini per i cittadini over 50 sarà ‘catalogata’, permanendo però la priorità per i soggetti affetti da patologie o situazioni di compromissione immunologica che possono accrescere il pericolo di sviluppare forme gravi di Covid-19, indipendentemente dalla connotazione di gravità, tipica delle persone fragili.

Il generale Francesco Paolo Figliuolo ha in questi giorni fatto il punto dello stato della campagna di vaccinazione nel nostro paese, usando parole piuttosto chiare: “Stiamo aspettando 17 milioni di vaccini: sono in arrivo e arriveranno con cadenza settimanale. Le vaccinazioni nelle aziende partiranno più avanti quando avremo maggiore disponibilità di dosi e dopo aver messo in sicurezza gli over 65 e i fragili. Da lunedì 10 cominceranno le prenotazioni per gli over 50. Siamo in un tunnel e stiamo lentamente cominciando a intravedere la luce”.

E’ chiaro che al di là della situazione contagi nel nostro paese – su cui sembra determinante anche l’arrivo della stagione estiva e dunque di temperature più calde – sono cruciali gli approvvigionamenti dei vaccini: soltanto con l’arrivo di milioni di nuove dosi, sarà possibile vaccinare buona parte della popolazione italiana entro qualche settimana, per poter programmare così anche una strategia efficace per il medio-lungo termine, in vista poi dell’autunno.

Se ti interessa saperne di più su no di Merkel e Pfizer alla revoca temporanea dei brevetti vaccini, clicca qui.

Parola d’ordine ‘progressività’ nella somministrazione

Lo rimarchiamo: la prenotazione vaccini per gli over 50 avrà comunque carattere di gradualità e sarà per forza legata al buon andamento della campagna di somministrazione su scala nazionale delle categorie prioritarie, over 80 e fragili, di cui all’ordinanza sopra indicata. Insomma, sono possibili ulteriori novità in base all’andamento dei numeri e la prenotazione vaccini over 50 sarà dunque recepita, ferma restando la priorità per le persone con patologie o situazioni di compromissione immunologica. In questo quadro in continua evoluzione, è da ricordare che alcune tra le più grandi regioni hanno agito prima del piano nazionale.

Per esempio, in Veneto la prenotazione vaccini over 50 è già scattata venerdì 7 maggio, e dunque in anticipo rispetto al calendario fissato a livello centrale. Come ribadito dal Governatore Zaia, la finalità della regione è infatti quella di partire con le vaccinazioni over 40 già nelle prossime settimane e comunque entro maggio. Anche in Lazio ci si è mossi prima, con prenotazioni da sabato 8 maggio. In Piemonte invece i cittadini di età tra i 55 e i 59 anni possono effettuare la prenotazione già dal giorno 4 maggio.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU GOOGLE NEWS

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a 
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →