Obbligo Green pass 1 settembre: come cambiano le regole da oggi

Pubblicato il 1 Settembre 2021 alle 09:16 Autore: Guglielmo Sano
Green pass 1 settembre: come cambiano le regole da oggi

Obbligo Green pass 1 settembre: come cambiano le regole da oggi

Green pass 1 settembre: dopo quella di inizio agosto, da oggi scatta una nuova estensione all’impiego del certificato che attesta la somministrazione di almeno una dose di vaccino, l’avvenuta guarigione dal Covid, l’esito negativo a un test del tampone.

Green pass 1 settembre: nuova estensione all’impiego del certificato

Green pass 1 settembre: da oggi scatta un’ulteriore estensione all’impiego del documento. Dal 6 agosto il certificato che attesta la somministrazione di almeno una dose di vaccino, l’avvenuta guarigione dal Covid da almeno 6 mesi, l’esito negativo di un test del tampone al massimo nelle 48 ore precedenti è diventato fondamentale per accedere a diverse situazioni “quotidiane”;

In poche parole, è stato previsto l’obbligo di esibirlo per andare in palestra o al cinema, sedersi “al chiuso” nei ristoranti e per frequentare molti luoghi dove è più alto il rischio di assembramento. Invece, da oggi – mercoledì 1 settembre 2021 – il pass dovrà essere mostrato anche per salire sui mezzi di trasporto che effettuano viaggi a lunga percorrenza, inoltre, sarà richiesto anche al personale scolastico e agli studenti universitari.

Come cambiano le regole per i trasporti e la scuola?

Green pass 1 settembre: nello specifico, a partire da oggi, il certificato diventa obbligatorio su aerei, treni ad alta velocità, Intercity e Intercity notte, autobus e traghetti che collegano più regioni. Al momento, il pass non è richiesto per utilizzare i trasporti pubblici urbani (bus, metro, tram, funicolari) e che percorrono tratte che non superano i confini regionali (anche il traghetto tra Reggio Calabria e Messina viene considerato trasporto locale). I controlli saranno effettuati ai tornelli ove presenti oppure dal personale di bordo.

Sempre da oggi, il certificato dovrà essere esibito anche da tutto il personale scolastico (sia docenti che personale Ata). La mancanza del certificato farà scattare la sospensione del rapporto di lavoro, quindi dello stipendio (dopo 5 giorni di assenza ingiustificata): i controlli spetteranno ai dirigenti scolastici (verrà lanciata una banca dati dedicata al comparto intorno a metà settembre, attualmente potrà essere utilizzata l’app VerificaC19, la stessa a disposizione degli esercenti). L’obbligo di Green pass scatta anche per gli studenti universitari per frequentare le lezioni in presenza.

Segui Termometro Politico su Google News

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →