Perché dovremmo tutti prestare attenzione all’influenza della Cina sulla politica italiana

Pubblicato il 10 Dicembre 2021 alle 18:28 Autore: Redazione
cina news

Gli organi di propaganda e di influenza politica del Partito Comunista Cinese (PCC) sono penetrati profondamente nella politica italiana, secondo “Hijacking the Mainstream”, un rapporto pubblicato questo mese dal Global Committee for the Rule of Law (GCRL), un’organizzazione con sede in Italia che lavora in difesa dei diritti umani in tutto il mondo, e Sinopsis, con sede a Praga, un progetto realizzato dall’associazione no profit AcaMedia, in collaborazione con il Dipartimento di Sinologia dell’Università Carlo di Praga.

Il rapporto documenta come, come risultato di uno sforzo orchestrato di “fronte unito” che coinvolge strategie coordinate legate al PCC, un'”idea di sottomissione” alla Cina “percola in ufficialità” nella sfera politica e pubblica italiana. Non è un gioco d’azzardo quello che portano avanti le autorità cinesi, ma una strategia di lungo periodo ben studiata e articolata.

La normalizzazione dell’agenda del PCC è diventata un presupposto ampiamente diffuso, persino di buon senso, mentre i critici del regime totalitario cinese e le eclatanti violazioni dei diritti umani sono stati ostracizzati come “estremi”. Questo presupposto ora ampiamente basato, sembra, potrebbe essere abbastanza forte da resistere all’influenza di questo scioccante rapporto, a meno che i personaggi pubblici non abbiano la volontà politica di seguire le raccomandazioni che sono cruciali per l’integrità e la sicurezza non solo dell’Italia, ma di altri paesi europei e paesi liberaldemocratici visti dalle autorità cinesi come ostacoli alle loro ambizioni globali.

Sebbene le risposte dell’Italia alle operazioni di influenza della Cina abbiano aspetti unici, mostrano come un alleato chiave e una potenza degli Stati Uniti nell’Unione europea possano essere infettati dalla propaganda del PCC – e nel rivelare l’architettura di base di tali operazioni, il rapporto dovrebbe quindi essere una geremiade e una guida per altre società occidentali.

Abilitare il successo dell’operazione di influenza italiana della Cina è ciò che gli autori del rapporto chiamano “asimmetria della conoscenza”. Tre approfonditi casi di studio mostrano come numerosi politici italiani ingenui ma influenti a livello nazionale siano apparentemente caduti sotto l’influenza della propaganda attraverso l’applicazione di tecniche che rientrano nella tradizione leninista dei “contatti amichevoli”. Il processo è stato orchestrato dall’International Liaison Department (ILD) del PCC, “il principale organo di partito incaricato degli scambi con le élite straniere al di fuori della diplomazia da stato a stato”, ponendosi come un “partner legittimo della vita politica democratica” e con l’obiettivo principale del “lavaggio del cervello” delle opinioni anticomuniste.

cina news

La galassia delle organizzazioni e dei think tank filo-cinesi

Nell’ambito dell’ILD operano altri programmi responsabili di varie dimensioni del suo compito, ad esempio il China NGO Network for International Exchanges (CNIE), che mira a “l’inserimento del concetto di diritti umani del PCC nel Consiglio per i diritti umani”.

A giudicare dall’adulazione riversata sulla Cina in seguito alla sua ultima revisione dei diritti umani da parte del Consiglio, dove una solida maggioranza di delegazioni statali ha elogiato i risultati economici della Cina come vittorie in materia di diritti umani e ha tacitamente accettato la descrizione cinese dei campi di detenzione uiguri nello Xinjiang come “educazione alle competenze professionali e istituti di formazione”, il CNIE è sulla buona strada.

Alcune organizzazioni italiane collaborano con l’ILD, conferendole legittimazione pubblica e promuovendo in modo trasparente posizioni ideologiche pro-PCC e anti-americane, ma apparendo come istituzioni politicamente neutrali votate alla pace e alla comprensione internazionale. Il capo del Centro Studi sulla Cina Contemporanea, l’ex ambasciatore italiano in Cina Alberto Bradanini, ad esempio, ha elogiato la Cina per “favorire la pace e l’equilibrio nel mondo” invece di “sottomettersi agli Stati Uniti” e ha fatto riferimento al “terrorismo uiguro”.

Un’altra affiliata dell’ILD è l’Associazione cinese per la comprensione internazionale (CAFIU), che organizza eventi con le istituzioni europee, ad esempio la Fondazione del Partito socialdemocratico tedesco, la Friedrich-Ebert-Stiftung, che ha collaborato con il CAFIU in un evento collaterale delle Nazioni Unite. La Fondazione cinese per lo sviluppo dei diritti umani, che risponde all’Ufficio informazioni del Consiglio di Stato, ha recentemente ottenuto lo status consultivo presso il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC), un ambito accreditamento che consente alle organizzazioni non governative l’accesso e la capacità di intervenire nel Consiglio per i diritti umani incontri. Ma CAFIU non è certo un’organizzazione della società civile.

Segui Termometro Politico su Google News

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

L'autore: Redazione

Redazione del Termometro Politico. Questo profilo contiene articoli "corali", scritti dalla nostra redazione, oppure prodotti da giornalisti ed esperti ospiti sulle pagine del Termometro.
    Tutti gli articoli di Redazione →