Bonus 2022: in arrivo la proroga dell’incentivo per le terme?

Pubblicato il 10 Gennaio 2022 alle 13:21 Autore: Claudio Garau
Capodanno 2019 alle terme in Italia le migliori destinazioni ok

Bonus 2022: in arrivo la proroga dell’incentivo per le terme?

Ne abbiamo parlato più volte nei mesi scorsi: il bonus terme è stato un successo. Infatti quest’ultimo ha subito fatto presa tra coloro che si avvalgono delle cure termali e intendono sfruttare le agevolazioni previste. Il punto però è che l’impennata della curva epidemiologica ha almeno in parte bloccato il meccanismo di accesso effettivo.

Nella legge di Bilancio 2022, il bonus terme non compare tra le misure rifinanziate, tuttavia potrebbero arrivare nuove opportunità a breve, tanto da potersi parlare di bonus 2022 anche per il settore delle cure termali. Ecco perché.

Bonus 2022: come funziona l’incentivo in oggetto

Ricordiamo che le risorse previste dal Governo per il bonus terme erano pari a 53 milioni di euro. Il beneficio consiste in un contributo (voucher) di un massimo di 200 euro, da sfruttare da parte dei cittadini: 

  • Di almeno 18 anni; 
  • Residenti nel nostro paese; 
  • Allo scopo di avvalersi di servizi termali presso strutture preventivamente accreditate all’iniziativa. 

Il meccanismo per la domanda implica che, a partire dall’8 novembre scorso, gli interessati si potessero rivolgere alle strutture termali accreditate per ottenere il citato voucher. Mentre compito della struttura era prenotare i citati buoni, sulla base di dette richieste e delle risorse stanziate dal Governo. 60 giorni di tempo per il cittadino, al fine di spendere il buono. Di fatto dunque da pochi giorni sono scaduti i termini per l’attivazione del bonus.

Legge di Bilancio 2022, scuola, trasporti, ambiente: gli stanziamenti

Incentivi cure termali 2022: la richiesta di FederTerme

Quella attuale è una situazione che non ha permesso di fruire appieno del bonus terme in oggetto. Ecco perché in tema di bonus 2022, FederTerme ha già chiesto più volte la proroga dei termini di fruizione, evidenziando sia le difficoltà pratiche, sia la pioggia di disdette prodotte dal boom di casi di contagio da coronavirus. Di fatto, per il momento, la sola risposta è stata il prolungamento del termine per le richieste di rimborso (art. 12 DL Milleproroghe).

Non sorprende insomma che per tutti coloro che non hanno potuto attivare il bonus terme in tempo utile, Federterme abbia domandato una proroga di validità di circa 4 mesi, per quanto attiene ai bonus già emanati. La federazione ha altresì rilevato che qualora il Governo non la accogliesse, la sola conseguenza logica dovrebbe essere la riapertura dei termini con un nuovo click-day. Ciò al fine di distribuire le risorse ancora disponibili. In queste ultime circostanze, gli interessati dovrebbero rivolgersi una seconda volta alla struttura termale desiderata – che compare sul sito web Invitalia – per l’emissione di nuovi bonus 2022 terme. Ecco perché si può parlare di nuove opportunità di accesso agli incentivi in oggetto.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU GOOGLE NEWS

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →