Nuova rottamazione cartelle: al via procedura online. Come si fa?

Pubblicato il 24 Gennaio 2023 alle 12:29 Autore: Guglielmo Sano
Nuova rottamazione cartelle

Nuova rottamazione cartelle: al via procedura online. Come si fa?

Nuova rottamazione cartelle al via: per appianare debiti contratti col Fisco, comprensivi di sanzioni e interessi, a disposizione dei contribuenti una procedura online. A quali carichi si riferisce la misura, quali sono i requisiti per aderire allo stralcio previsto dalla Legge di Bilancio 2023? Una panoramica veloce delle informazioni più importanti sul provvedimento.  

Nuova rottamazione cartelle: comprese le multe stradali

Nuova rottamazione cartelle al via: la sanatoria prevista dalla Legge di Bilancio 2023 si riferisce ai carichi affidati all’Agenzia delle Entrate-Riscossione dal 2000 al 30 giugno 2022. La misura consentirà di portare a termine lo stralcio, con lo sconto di sanzioni, interessi e aggio, anche a coloro che non sono riusciti a saldare, entro i termini previsti, tutte le rate delle (tre) precedenti edizioni della rottamazione. Oltre alle tasse e ai contributi dovuti, grazie al provvedimento sarà possibile eliminare anche le multe stradali. In quest’ultimo caso però restano le sanzioni (ma verranno scontate le maggiorazioni, cioè interessi che aggio). Per usufruire della rottamazione sarà necessario istruire una domanda attraverso l’area telematica dell’Ader.

Come si fa domanda online?

Nuova rottamazione cartelle al via: per usufruire della rottamazione sarà necessario istruire una domanda attraverso l’area telematica dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione. Per inoltrarla c’è tempo fino al 30 aprile 2023 (entro la stessa data sarà possibile modificare la domanda già inoltrata): una volta collegati al sito dell’Ader bisogna fare ingresso nella sezione “Definizione agevolata” (se non si inseriscono le proprie credenziali Spid, Cie, Cns bisognerà allegare alla domanda un documento di identità), sarà possibile a questo punto compilare il form per la richiesta.

Fondamentale riportare i numeri identificativi delle cartelle che si vogliono rottamare, indicando poi anche il numero di rate su cui si vuole spalmare il piano di ammortamento. Bisognerà indicare anche il domicilio presso cui si intendono ricevere le comunicazioni inerenti alla pratica dell’Ader, quindi, indicare un indirizzo mail al quale verrà inviata una mail di conferma (si dovrà convalidare la richiesta entro 72 ore dalla ricezione per non dover ricompilare la domanda). Convalidata la richiesta si riceverà una seconda mail che comunicherà la presa in carico della domanda di rottamazione: questa conterrà il numero identificativo della pratica. In seguito, arriverà un’altra mail con la ricevuta relativa alla presentazione della pratica.

L’Ader ha tempo fino al 30 giugno per comunicare l’importo complessivo da versare (ed eventualmente importo e scadenza delle rate). Se si sceglie di saldare in un’unica rata la scadenza prevista è quella del 31 luglio 2023, per la stessa data è previsto il termine per il pagamento della prima rata se si sceglie la dilazione dell’importo (massimo 18 rate da pagare entro il 2027).

Segui Termometro Politico su Google News

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →