Romania: Băsescu sopravvive al referendum, ma la maggioranza è un’opinione

Pubblicato il 4 Agosto 2012 alle 10:56 Autore: EaST Journal
basesku

Dopo mesi di scontri a livello istituzionale, finalmente in Romania arriva il verdetto delle urne: Traian Băsescu sopravvive al referendum sul suo impeachment e viene reintegrato nelle funzioni di presidente della Repubblica. Lo scontro era iniziato con la nomina a primo ministro di Victor Ponta, leader della coalizione di opposizione Uniunea Social Liberală (USL) che era riuscito a forzare a suon di decreti di urgenza un voto parlamentare di impeachment nei confronti del presidente, ottenendone la sospensione esostituendolo ad interim con il proprio alleato Crin Antonescu, nel frattempo nominato da Ponta nuovo presidente del Senato.

[ad]Nella giornata di ieri i romeni – compresi quelli residenti all’estero per cui sono stati aperti 150 seggi, 55 dei quali in Italia – sono stati chiamati alle urne, a decidere tramite un referendum il destino di Băsescu e del proprio paese. Il referendum è stato invalidato, non avendo l’affluenza alle urne raggiunto il quorum del 50% più uno degli elettori: secondo il Biroul Electoral Central solo il 46,2% ha risposto alla convocazione elettorale. Di questi l’85,7% ha votato a favore della destituzione di Băsescu. Resta parecchia incertezza però sul destino della Romania, tornata urgentemente sotto l’occhio diffidente della Commissione Europea dopo gli avvenimenti degli ultimi mesi: Ponta, attraverso un decreto d’urgenza – quindi senza l’avallo del Parlamento – aveva modificato in corsa le regole per il referendum di impeachment, modificando la maggioranza necessaria per l’approvazione. Dalla maggioranza assoluta dell’elettorato, la quota di voti necessaria per l’esito positivo del referendum era passata alla maggioranza assoluta degli effettivi votanti; un provvedimento che l’USL era però poi stata costretta a ritirare su pressione della Commissione Europea.
Băsescu

Ora Ponta e Antonescu – che avevano promesso di dimettersi entrambi se la consultazione non fosse andata a buon fine – contestano il risultato elettorale, sottolineando il dato secondo cui l’85,7% di chi ha votato abbia votato contro Băsescu e dimostrando poco rispetto per le procedure e le regole sancite dalla Costituzione. Assurdità e distorsioni matematiche vengono sollevate da testate di opposizione come Antena 3 che, basandosi su un exit poll condotto dalla Companiei de Cercetare Sociologica și Branding (secondo cui il 91% dei votanti effettivi aveva votato a favore della sospensione), ha dichiarato: “Perché la volontà del 91% dei romeni sia applicata, è necessario che sia presente al voto il 50% + 1 del totale degli elettori”. Victor Ponta ha dichiarato al quotidiano Adevărul, riguardo alla fine dell’interim del suo alleato Antonescu e al ritorno al palazzo presidenziale di Cotroceni di Băsescu: “Come può il vincitore dimettersi e chi ha perso andare a Cotroceni?“.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

L'autore: EaST Journal

East Journal è un progetto di giornalismo partecipativo che nasce dal basso, fatto da giovani e senza fini di lucro. East Journal è una testata registrata presso il Tribunale di Torino, n° 4351/11, del 27 giugno 2011. I contenuti sono condivisi con Termometro Politico grazie alla partnership nata da marzo 2012 tra le due testate giornalistiche. Il nostro obiettivo è quello di raccontare la “nuova” Europa, quella dell’est, che rappresenta il cuore antico del vecchio continente. La cultura e la storia ci insegnano la comune appartenenza. L’europeismo critico è dunque una nostra vocazione. Tra i nostri temi più cari figurano poi la tutela delle minoranze, l’analisi dell’estremismo di destra, la geopolitica energetica, il monitoraggio del crimine organizzato transnazionale.
    Tutti gli articoli di EaST Journal →