•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 15 aprile, 2010

articolo scritto da:

Milano: i trend elettorali negli ultimi 10 anni

milano

In questi dieci anni a Milano ci sono state 2 elezioni comunali (2001 e 2006), 3 provinciali (1999, 2004 e 2009), 3 regionali (2000, 2005, 2010), 3 politiche (2001, 2006, 2008) 3 europee (1999, 2004, 2009)…

…in media quindi più di una elezione all’anno.

Milano: i trend elettorali negli ultimi 10 anni

 

Nella raccolta dati non ci sono stati particolari problemi, eccetto che per le Provinciali del 1999 e del 2004, dove non è stato possibile recuperare l’esatto numero di elettori e i voti non validi. Per ovviare a ciò abbiamo stimato che il numero degli elettori fosse pari a quello dell’elezione precedente più recente.

L’analisi è divisa in due parti. Nella prima studieremo i flussi elettorali dei partiti, basandoci sui voti assoluti, nella seconda invece analizzeremo i risultati delle elezioni “maggioritarie”, cioè il voto per sindaci, presidenti di regione e di provincia, includendo anche la parte maggioritaria delle elezioni politiche del 2001.

 

L’analisi proporzionale – il voto ai partiti

 

[ad]Note metodologiche – In questi dieci anni la geografia politica del nostro paese è stata particolarmente movimentata, per cui per facilitare l’analisi abbiamo ricondotto i dati all’attuale situazione politica. Se, infatti, la Lega Nord è presente oggi come nel 1999, lo stesso non può dirsi di PD e PDL. Perciò prima del 2008 si considerano come PDL la somma dei voti di FI, AN e NPSI-DC, per il PD invece si considerano l’Ulivo (2004 e 2006) mentre a inizio 2000 i voti di DS, Margherita, Democratici, Democrazia Europea e via discorrendo. Per IDV invece si considerano le varie liste Di Pietro, mentre un discorso a parte meritano Radicali e Verdi-RC-PDCI.

I Radicali hanno, infatti, sempre ottenuto un buon risultato a Milano, anche a prescindere dai 90mila voti raccolti alle europee del 1999. La lista Bonino ha sempre raccolto circa 30mila voti, che è poi il risultato di RNP nel 2006. Per questo si considerano i voti a RNP come sostanzialmente voti Radicali.

Per quanto riguarda Verdi, RC, PSI/SDI, PDCI li abbiamo accorpati sotto la voce Sinistra extraparlamentare (SEX) visto che i loro elettori sono abbastanza contigui, nelle innumerevoli reincarnazioni che hanno avuto in questi anni, e visto che attualmente non risultano rappresentati né al Parlamento nazionale né all’Europarlamento.

Per l’UDC, prima del 2006, si considera la somma di CCD e CDU.

Per quanto riguarda ai partiti di Destra (come appunto La Destra di Storace e l’AS di Mussolini) appaiono marginali nel panorama milanese, così come le liste di estrema destra ed estrema sinistra.

Infine nella voce Altro sono sommati tutti i vari partitini e movimenti locali, tra cui i Pensionati, che nel milanese possiedono tuttavia una discreta forza elettorale, circa 10mila voti, ma non sono inquadrabili in alcuno schieramento, giacché a seconda del momento si schierano con il centrodestra o il centrosinistra.

Infine i raggruppamenti. Per CSX si intendono la somma dei voti di PD, IDV, Radicali e Sinistra Extraparlamentare, per CDX la somma di PDL, Lega, partiti di destra come sopra definiti e Udeur, mentre è considerato a parte il voto all’UDC e agli Altri.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: