•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 13 novembre, 2013

articolo scritto da:

Nassiriya Deputata Corda (M5S) si scusa con familiari vittime

 

La deputata del Movimento 5 stelle Emanuela Corda chiede scusa ai familiari delle vittime della strage di Nassiriya, dopo le sue affermazioni in Aula di ieri che hanno suscitato fortissime polemiche. “Le vittime militari e civili morte a Nassiriya – ha affermato intervenendo nuovamente questa mattina durante l’esame del processo verbale della seduta di ieri  sono in cima ai miei pensieri e sono vicina ai familiari che si sono visti sottrarre padri, figli e mariti da quel terribile atto omicida e da quella sporca guerra”.

“Mi ripugna l’idea stessa di trasformare il proprio corpo in un ordigno assassino, per dare la morte a se stesso e agli altri. Non ho fatto l’elogio del Kamikaze, ma ho, al contrario, denunciato l’orribile ideologia che, sfruttando la disperazione e l’ignoranza, lo ha portato a trasformarsi in una bomba umana. Sono contro il fanatismo e nella mia idea di società laica e plurale non c’è spazio per il fondamentalismo religioso. Se le mie parole hanno soltanto minimamente offeso i familiari delle vittime di Nassiriya chiedo scusa a loro, perché questa non era in modo alcuno mia intenzione”.

nassiriya militari stragi polemiche corda m5s

“Come abbiamo scritto ieri – aggiunge la deputata Emanuela Corda – sappiamo distinguere molto bene chi, come i nostri militari, ha assolto fino al supremo sacrificio al proprio dovere e chi invece, dal governo e dal parlamento, ha la responsabilità di aver portato l’Italia in Iraq in una guerra illegittima, crudele e che ha amplificato le sofferenze di quel popolo”. “Lo dico sommessamente – continua Corda-, in un Paese normale, a fare scandalo dovrebbero essere le lacrime del Ministro della Difesa dell’epoca versate ieri in parlamento, per aver portato l’Italia in guerra in base ad una menzogna, l’esistenza di armi di sterminio di massa, e dal quale ancora non abbiamo sentito le scuse. Scuse che invece sarebbero doverose, sia nei confronti dei nostri militari che ci hanno lasciato la pelle, sia nei confronti del popolo iracheno che continua ancora oggi a versare sangue innocente”.

COSA HA DETTO IERI LA DEPUTATA DEL M5S EMANUELA CORDA?

Le parole pronunciate ieri in aula: “Tutti noi ricordiamo commossi i 19 italiani deceduti in quell’attacco kamikaze, e oggi siamo vicini ai loro familiari; a volte ricordiamo anche i 9 iracheni che lavoravano nella base italiana, ma non troppo spesso. Nessuno ricorda però il giovane marocchino che si suicidò per portare a compimento quella strage: quando si parla di lui, se ne parla solo come di un assassino, e non anche come di una vittima, perché anch’egli fu vittima oltre che carnefice”. Queste le parole che ha pronunciato la deputata 5 stelle Emanuela Corda, in aula alla Camera mentre era in corso la commemorazione del decimo anniversario della strage di Nassiriya. “Un’ideologia criminale lo aveva convinto che quella strage fosse un gesto eroico, e lo aveva mandato a morire- ha aggiunto- e non è escluso che quel giovane, come tanti kamikaze islamici, fosse spinto dalla fame e dalla speranza che quel suo sacrificio sarebbe servito per far vivere meglio i suoi familiari, che spesso vengono risarciti per il sacrificio del loro caro”.

 

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: