•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 24 gennaio, 2014

articolo scritto da:

Imu, incontro tra Anci e Governo

Imu, incontro tra Anci e Governo

Imu, incontro tra Anci e Governo: primo passo per la risoluzione della tassa sulla casa.

L’incontro del 22 gennaio al Ministero dell’Economia fra il presidente dell’ANCI Piero Fassino, il ministro Saccomanni, il sottosegretario Baretta e il ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Delrio ha creato le premesse per una risoluzione definitiva della questione IMU. Il Governo infatti ha riconosciuto la fondatezza del conteggio dei Comuni, che hanno lamentato il mancato gettito nelle casse degli enti locali di un miliardo di euro causato dal passaggio dall’Imu alla nuova Tasi.

La soluzione del governo per sopperire all’ammanco potrebbe seguire le indicazioni dei Comuni, che chiedono di accedere agli introiti derivanti dalla tassazione Imu sugli immobili produttivi (categoria D). Il ministro dell’Economia si è detto infatti disponibile a venire incontro alle esigenze dei sindaci e a stornare dal gettito destinato all’erario il miliardo da tempo richiesto per far quadrare i conti locali, ma solo dopo aver il risolto la problematica relativa al buco nel bilancio dello Stato, emersa proprio durante l’incontro con Saccomanni. Infatti la Ragioneria generale dello Stato, guidata da Daniele Franco, ha evidenziato come il gettito dell’Imu sui capannoni e gli alberghi, contabilizzato dal governo per il 2013 in 4,6 miliardi, si sia fermato a 4 miliardi, portando allo scoperto un buco di 600 milioni. Pertanto per garantire agli enti locali i finanziamenti previsti sarà necessario rifare i calcoli.

Imu, incontro tra Anci e Governo

Saccomanni prevede di coprire il buco appesantendo i tagli della spesa affidati al commissario Cottarelli e per questo motivo ha rinviato la discussione al 28 gennaio. Il ministro dell’Economia ha promesso inoltre entro la fine di gennaio un decreto che consentirà ai sindaci di alzare le quote Tasi tra lo 0,1 e lo 0,8 per mille al fine di creare un “tesoretto” destinato alle detrazioni per le famiglie bisognose o in difficoltà.

In merito all’incontro il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta ha commentato: “Abbiamo cominciato a ragionare, sono stati posti sul tavolo tutti i temi che riguardano la fiscalità locale e ci siamo aggiornati per martedì prossimo“. Positiva la reazione del presidente dell’ANCI Piero Fassino: “Da parte del governo c’è stato il riconoscimento della fondatezza delle nostre richieste. Delle prime risposte sono arrivate, in particolare sulla copertura delle detrazioni“.

Riccardo Bravin

 

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: