•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 10 febbraio, 2010

articolo scritto da:

Costretti a difendere i “pollai”

Se non fosse che a difendere la decisione della commissione di Vigilanza della RAI è stato un Presidente del Consiglio che pensa che la par condicio sia una legge “liberticida e assurda” e che vada abolita “reintroducendo quella norma che stabilisce presenze televisive proporzionali ai voti“, verrebbe quasi da gioire. Lo confesso: mi provoca una certa sensazione di sollievo pensare che, almeno per un mese, quella stragrande maggioranza di italiani che utilizza la televisione per avvicinarsi alla politica potrebbe fare a meno di sorbirsi le litigate, la dietrologia, il populismo e l’inconcludenza dei talk shownostrani. Su una cosa sono d’accordo con Berlusconi: si tratta, né più né meno, di pollai televisivi (anche se con le debite proporzioni).

Non posso credere, infatti, ci sia davvero chi ha imparato qualcosa da una puntata diPorta a Porta o Ballarò – a parte alcuni precisi artifici retorici per impedire all’avversario di esprimersi compiutamente. Qualcosa, sia chiaro, che non avrebbe potuto imparare in pochi minuti (e non in due ore e mezzo) aprendo un giornale qualunque, anche il più sgangherato (inserite un nome a scelta, le idee non mancano) o almeno la sua versioneonline – il che consente tra l’altro di risparmiarsi le urla, i “mi lasci finire” e le infinite digressioni che non tornano mai al punto. C’è davvero bisogno di AnnoZero per sapere dei processi del Premier? Perché di questo avrebbe parlato, con ogni probabilità, anche nel mese a venire. Non di nucleare. Non di istruzione. Non di federalismo. Sempre e solo dei processi di Berlusconi. Consiglio una capatina in libreria: anche lì c’è (quasi, per fortuna) solo quello. I libri hanno inoltre il vantaggio di non riportare, di solito, i volti ributtanti e le voci stridule dei presenzialisti dei salotti televisivi. Un altro punto a favore di non poco conto. Certo, costano una maggiore fatica, ma è il prezzo da pagare per non dire stupidaggini (se basta).

Il problema, come sempre, è che di mezzo c’è Berlusconi. Che, essendo l’uomo delle leggi ad personam, non è esattamente il politico più adatto (se mai ce ne fosse uno) a fare i palinsesti televisivi. Della terzietà, insomma, è lecito dubitare (è un eufemismo). Anche l’idea di sostituire tribune politiche ai talk show non sarebbe di per sé cattiva: chissà che gli intervenuti non siano costretti, per una volta, a parlare di programmi, mandare a memoria qualche statistica, fingere di avere in mano la soluzione a uno qualunque dei problemi reali dei cittadini. Se non fosse che poi, di fatto, le regole finirebbero probabilmente per favorire qualcuno (chissà chi) a discapito di altri. Il che spiega, credo, la violenta protesta dei “partitini”, che altrimenti dovrebbero ringraziare il premier per tanta magnanimità (chi li ha visti a Ballarò etc. – a parte Vendola – alzi la mano).

In definitiva siamo nell’orrenda, paradossale situazione di dover tirare in ballo i diritti costituzionali, gridare allo scandalo, indire scioperi e riesumare la parola libertà (che triste destino la perseguita) per difendere il nostro diritto di guardare Porta a Porta. Siamo costretti a difendere i pollai. Non c’è che dire, questo Paese non finisce mai di stupirmi.

 

Blog dell’autore: ilnichilista.wordpress.com

Gradimento verso il Governo

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

il gattopardo 2018

il gattopardo 2018

articolo scritto da:

Lascia un commento