[TheChamp-Sharing]

pubblicato: giovedì, 22 Nov, 2012

articolo scritto da:

Dal Blog: L’eterna Oktoberfest della Germania sulla Grecia

Scrivevo su Twitter

https://twitter.com/ToobyTweet/status/271342309285695488

Oktoberfest woman

È il caso di espandere un attimo il ragionamento oltre i 140 caratteri. La Grecia sta sopportando il dolorosissimo riaggiustamento della sua economia dopo anni di bengodi a credito, basati su conti pubblici truccati e corruttela genetica. La cicala e la formica, niente di più, niente di meno.

La questione più grossa era che la Grecia era ed è in un’area economica integrata, in un’area valutaria subottimale e in un’area politica frammentata. In altre parole, il crollo della Grecia, in assenza di rimedi “monetari” convenzionali (svalutazione – che non è una cura, ma un placebo) e di supporto europeo, avrebbe comportato (comporterà) gravi danni al resto dell’area economica.

Il problema era oggettivamente minuscolo nel 2010, e risolvibile in poco tempo e con poca spesa, ma fu, è stato ed è gestito in modo ridicolo dai partner europei, in primo luogo tedeschi e assimilabili (non dall’UE, che è meramente l’esecutore tecnico dei governi nazionali), sicché la situazione è degenerata continuamente e la Grecia continua a mancare i target di aggiustamento dei conti pubblici: la Grecia sta facendo il suo dovere, ed è già fallita mezza volta (sul debito pubblico in mano ai privati), ciononostante il PIL resta in caduta libera e il debito pubblico sia ormai oltre il 190% del PIL. Non è accaduto nulla che il più cretino degli economisti non potesse prevedere, ma a quanto pare a Berlino, oltre ad essere cretini, gli economisti sono anche impegnati in un’eterna Oktoberfest.

Ora appare evidente che la Grecia non potrà mai e poi mai raggiungere il target del 120% di debito/PIL entro il 2020, ma alla Germania non interessa nulla, e continua a dire di no ad ogni soluzione più coerente con la realtà. A tentare di riportare la Merkel e i suoi cinque magnifici idioti (di cui abbiamo una diapositiva relativa a un loro tipico meeting) su questo pianeta ci sta provando il FMI, che ha sottolineato che, essendo il debito greco non sostenibile, esso smetterà di erogare aiuti (comprereste il biglietto per una crociera sul Costa Concordia? Il FMI no).

Eppure qui i casi sono due. Fermo restando che la Grecia deve continuare a cedere una sovranità che non merita ancora (ovvero deve restare sottoposta a controlli internazionali per manifesta incapacità di controllarsi da sola – incapacità che condivide con altri Paesi fra cui l’Italia, per carità), o gli altri Paesi accettano di perdere parte del debito pubblico greco che detengono o aspettano il momento (inevitabile) in cui l’economia greca collasserà, e non solo la perdita su quel debito sarà totale, ma si scatenerà anche l’effetto domino che porterà l’economia europea al collasso.

E fidatevi, per capire questo concetto non servono sette PhD in economia per centimetro cubico di materia grigia: basta non essere un sasso.

O ubriachi.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.