•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 13 dicembre, 2010

articolo scritto da:

Il teatrino della sfiducia

Dialogo fittizio (ma tratto da una storia vera) tra M. e O.

O. – Io voglio la sfiducia.

M. – Io no.

O. – Io non voglio Berlusconi.
M. – Io sì.
O. – Ma il suo è un governo-Pinocchio!
M. – Balle. Bisogna eliminare l’uso politico del giacobinismo.
O. – Ma se la giustizia è al collasso.
M. – Colpa del pressappochismo, del moralismo e delle manipolazioni di inquisitori solerti e spesso sconclusionati.
O. – Chi, i magistrati?
M. – Sì, e i procuratori organizzati per far fuori Berlusconi. E colpa vostra. Di voi cheproteggevate le Brigate Rosse, la canea rossa.
O. – Buffone!
M. – Specialmente te! Te sei succube di quello schieramento!
O. – Tu sei allergico alla parola giustizia! Roba da vajasse!
M. – Guarda che ti tiro addosso un cellulare!
O. – Pensa a tenere a freno le tue effusioni. Maschili, per di più!
M. – Pensa a te stesso, che non hai preparato una nuova classe dirigente, un’idea di Italia. Sai solo appoggiarti su un ex fascista che sembra davvero un dirigente della sinistra.
O. – E gli affari con Mevdevv? E Sud Stream? Guarda che qui non siamo a Mediaset.
M. – Chi? Comunque sia garantisco sui miei figli e i miei nipoti che non un solo dollaro della diplomazia commerciale è entrato o entrerà nelle mie tasche.
O. – Ah, che triste destino passare dalle trattative con Putin a quelle con Calearo…
M. – E tu, che sali i tetti delle università? Ah, no: tu stai in barca.
O. – C’è poco da fare gli spiritosi. Voi avete distrutto la scuola pubblica, e nel nome del merito. Sarebbe comico se non fosse tragico. O forse per te bastano i Bignami offerti dal Cepu tanto caro a Berlusconi.
M. – Quella è una riforma epocale. Meglio l’elogio dl suicidio che hai fatto per Monicelli, vero?
O. – Sarà meglio il modello feudale che hai imposto dove il principe e la corte gozzovigliano ai danni dei sudditi.
M. – Te lo dico con Einstein: «Più facile spezzare un atomo che un pregiudizio».
O. – Guarda che anche io sono capace di farmi bello con le citazioni. Conosco Il tramonto dell’Occidente di Oswald Spengler, Alcide De Gasperi. E l’immancabile Tomasi Di Lampedusa…
M. – Sì sì, «tutto si cambi per non cambiare nulla».
O. – Ah, so anche Cristo eh.
M. – Quale?
O. – «O con me o contro di me».
M. – Ma quello non era Berlusconi?
O. – Mi sembri un po’ confuso. Sei diventato finiano?
M. – Sarà l’emozione. Scusa.
(Si siedeMa O. non molla.)
O. – Comunque guarda che il centrodestra non è proprietà privata. E non siamo tutti comunisti.
M. – (Riprendendo fiato.) Traditore!
O. – Ah, giusto. Mancavano solo le liste di proscrizione. Come sotto Stalin.
M. – Sarà. Ma come lo spieghiamo alla signora Maria?
O. – E chi è?
M. – Uno dei 15 milioni di elettori che votano Berlusconi.
O. – Che poi come facciano a votare uno che si è presentato come l’uomo della Provvidenza e parla come un marziano
M. – Sarà uno degli alieni piovuti dal cielo nelle ultime 72 ore. Magari chiamato daBerenbainBerenboin, lì. Quel noto costituzionalista.
O. – Fai pure lo spiritoso. Vincerai questa partita truccata a suon di associazione a delinquere e corruzione scientifica. Ma non vincerai il campionato.
M. – Dipende. Basta riuscire a tenere lontano da Camera e Senato i pullman previsti per domani che vogliono far cadere il governo dal basso.
O. – E come pensi di riuscirci? Transennando il centro di Roma?
M. – Sì. E convocando una seduta segreta del Parlamento.
O. – Tanto io ti trovo lo stesso.
M. – Vedremo.
(Se ne vanno, ognuno per la sua strada. Ma senza perdersi d’occhio, finché possono.)

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Conte o non Conte

articolo scritto da:

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.