•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 27 gennaio, 2012

articolo scritto da:

Il nuovo Pdl.it: Silvio scende in rete.

pdl.it

Silvio Berlusconi, dopo 18 anni esatti dal video che cambiò la politica italiana, annuncia una nuova discesa in campo. Questa volta, però, il Cavaliere – forte della raggiunta “maggiore età” politica – si avventura in un ambito che, tradizionalmente, non gli è mai stato particolarmente favorevole: la rete.
Antonio Palmieri, il guru indiscusso della strategia internet dalle parti di via dell’Umiltà, ci stava lavorando da mesi. Al Popolo delle Libertà e al suo Presidente serviva un nuovo strumento di comunicazione per cercare di intercettare il consenso del “popolo della rete”.
Così, non senza qualche rinvio, dal pomeriggio del 26 gennaio 2012 appare online il nuovo portale www.pdl.it.
Semplicità, multimedialità, mobilità, ascolto e leadership sono alcune delle parole chiave che hanno ispirato la creazione della nuova versione del sito. Un vero portale ricco di contenuti (da notare soprattutto la sezione dedicata all’operato dei governi Berlusconi) e studiato per aggregare le informazione provenienti dagli altri siti della galassia PDL.
Ovviamente, seppur tecnicamente si tratti di un sito di partito, i riferimenti diretti al leader supremo sono martellanti. “Con Silvio”, “forzasilvio.it”, “la pagina di Silvio Berlusconi”, “il maggior merito di Berlusconi” e per finire anche “la citazione” di Silvio. Del resto il banner che accoglie i visitatori non lascia spazio a fraintendimenti. Su una foto sorridente di Berlusconi campeggia la scritta: “La MIA discesa in rete”. Non la “NOSTRA”, né tantomeno quella di Angelino Alfano.

pdl.it
Per far perdonare la sovraesposizione del Presidente, subito sotto lo slider, trovano posto due righe di caselline ordinate. Ad ognuna corrisponde foto e testo di una dichiarazione di uno dei Parlamentari che siedono tra i banchi del Popolo della Libertà.

pdl.it
[ad]Superata la parte più istituzionale del portale, si accede alla sezione dedicata ai social network. In prima battuta un Twitter digest collegato all’account @ilpdl (il link per aggiungere ai following in alcune parti del sito è configurato male e punta a PdL_Tweet, account che non esiste). In una barra, dall’inconfondibile fondo azzurrino chiaro, scorrono tutti i messaggi lanciati in rete dagli accounts selezionati dalla redazione. Un modo semplice e veloce per avere il portale sempre aggiornato che però non lascia spazio allo stato d’animo della rete (sarebbe stato veramente rivoluzionario, ma forse controproducente, inserire nella barra anche qualche hashtag come #pdl).
Dopo lo spazio dedicato a Twitter è il momento dei video, con tanto di canale ufficiale su Youtube (piuttosto debole l’offerta, soprattutto se si pensa al Berlusconi imprenditore televisivo). A compensare la mancanza di video però c’è la versione aggiornata di Spazio Azzurro, il vero valore aggiunto del sito. Un luogo di discussione a disposizione dei militanti che, una volta superata una rigidissima selezione, potranno postare brevissimi ragionamenti e appelli direttamente sull’ homepage del sito.

pdl.it
Immancabile lo spazio Facebook, anch’esso monopolizzato dal Presidente, al quale fa timidamente da contraltare un analogo box dedicato al blog del Segretario del Partito, Angelino Alfano.
A completare l’home del portale le notizie “dall’internet” (espressione decisamente cacofonica) e lo spazio pubblicità con i libri di Alfano, Lupi e Sacconi.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento