•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 28 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Via libera dal Cdm al Salva Roma, Marino: “Mai chiesto regalie”

Marino

E’ arrivato finalmente il via libera al Salva Roma. Il Consiglio dei ministri ha licenziato finalmente il decreto sugli enti locali che contiene le nuove misure cosiddette “salva Roma”. Tra le misure discusse va segnalato il via libera alla maggiorazione della Tasi fino allo 0,8 per mille, già presentata dal Governo Letta. Passa anche proroga sino alla fine di marzo della sanatoria sul pagamento delle cartelle di Equitalia senza multe e maggiorazioni, mentre salta invece la Web Tax – come comunicato dallo stesso premier via Twitter – che verrà discussa a livello normativo comunitario.

Nel frattempo esplode l’ira del Governatore della Lombardia, Roberto Maroni. “Il Nord reagirà contro il nuovo Salva Roma” è quanto affermato dall’ex segretario della Lega, intervenuto all’inaugurazione dell’anno giudiziario del TAR della Lombardia. “E’ un’ingiustizia grave rimandare i soldi a Roma”, specie per Regioni come la Lombardia con “un residuo fiscale superiore ai 45 miliardi”. Molto contrariato Maroni, che conferma: “Siamo pronti alla battaglia, perché davvero questa è una cosa indegna di un Paese civile”.

Il sindaco di Roma Ignazio Marino era intervenuto sul decreto Salva Roma in una lettera al Tempo, sottolineando: “mai nome fu meno appropriato per un decreto”. Marino ripercorre le tappe del provvedimento dall’ottobre 2013 quando, scrive il sindaco, “avevamo chiesto solo una norma” per chiudere “un buco di 816 milioni di euro lasciatoci in eredità dall’amministrazione Alemanno”. Marino precisa: “non chiedevamo un euro ai contribuenti italiani”, ma la restituzione dal commissario Massimo Varazzani “dei 485 milioni con cui i romani avevano finanziato l’avvio della gestione del debito storico”. “Da lì in poi quel provvedimento – attacca Marino – per volere di pezzi di Parlamento è stato gonfiato con decine di impegni di spesa che non avevano niente a che fare con la capitale, sulla base del concetto, falso, che il decreto servisse a concedere ulteriori regalie a Roma”. Marino spiega poi come l’impasse a Palazzo Madama del nuovo decreto del governo Letta sia stato causato dall’opposizione del M5S al tentativo di una senatrice, già assessore al Bilancio di Roma, “di imporre al Campidoglio – scrive Marino – norme per la vendita di azioni Acea in cambio del suo via libera al decreto”. Il sindaco attacca anche i 5 stelle, responsabili, a suo avviso, di aver fatto ostruzionismo alla Camera: “con un comportamento irresponsabile – accusa il primo cittadino – hanno anteposto il desiderio di creare un problema al neonato governo Renzi alla improrogabile ricerca delle soluzioni necessarie per Roma”.

Marino7

Nel giorno del nuovo decreto Salva Roma è intervenuto anche il presidente dell’Anci Piero Fassino, a proposito dei tagli ai Comuni. In un’intervista a La Stampa, attacca: “si è caricato sulle nostre spalle molto del peso del risanamento dei conti pubblici, anche andando al di là del giusto”. “I Comuni – spiega il sindaco di Torino – hanno generato solo il 2,5% del debito pubblico del Paese, e gestiscono solo il 7,6% della spesa pubblica nazionale. Si capisce – insiste Fassino – come non si possa pretendere di risanare i conti pubblici gravando esageratamente sui Comuni”. Fassino riflette sulla situazione finanziaria della Capitale: “il dissesto di Roma richiama pesantemente le responsabilità di chi ha amministrato la capitale in questi anni. Ma questo dissesto – sottolinea Fassino – rischia di scaricarsi su un sindaco che è stato eletto solo sei mesi fa” Il presidente Anci si sofferma anche sull’ipotesi di un fallimento della capitale e sulle conseguenze che ne deriverebbero: “un danno di immagine – sostiene Fassino – che si tradurrebbe in un costo molto ma molto superiore da ripianare”.

Redazione


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

11 comments
Beppe Roca
Beppe Roca

Paga le multe per le quote latte.....kitemmuort.

Silvia Blu
Silvia Blu

dite a Maroni che il precedente sindaco di Roma era del cdx. E che pensino ai loro rimborsi

Matteo Ciarlante
Matteo Ciarlante

Urca. Cosa fate, riprendete in mano le scope o fate un esamino a Tirana?

Ivan Tagliaferri
Ivan Tagliaferri

Quelli che votarono per ripianare il bilancio di Catania.

Giancarlo De Luca
Giancarlo De Luca

Classica discussione tra grillino e piddino: G - perché avete condonato 98 miliardi alla mafia delle slot machine? P - da voi non c'é dialogo. G - perché avete fatto una legge elettorale col pregiudicato? P - Grillo è un dittatore. G - perché avete votato no al politometro? Perché avete buttato fuori Letta e avete fatto un governo con la stessa identica maggioranza? P - Con voi non si può parlare. G - perché dicevate di voler smacchiare Berlusconi e invece adesso vi volete bene? Perché avete regalato 7 miliardi e mezzo alle banche private? Perché non vi dimezzate lo stipendio anche voi e lo versate sul fondo per le PMI? P - Ne avete espulsi quattro. G - Perché non rinunciate totalmente ai rimborsi elettorali come abbiamo fatto noi? P - Grillo sputa e Casaleggio ha la parrucca. Morale della favola: il grillino denuncia le porcate e presenta proposte. Il Piddino non ha argomenti validi per criticare il movimento.