•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 21 agosto, 2014

articolo scritto da:

Emilia Romagna, accordo Renzi-Bersani: candidato Pd sarà Manca

Sempre più affollate le stanze dei bottoni. Prima il patto Renzusconi sulle riforme, oggi Renzi-Bersani sull’Emilia Romagna. Dopo le dimissioni di Vasco Errani (condannato a un anno per falso) ormai si è aperta la sfida per le primarie interne al Pd che si terranno il 28 settembre prossimo, mentre la data fissata per la consultazione elettorale è quella del 16 novembre.

Dopo le dimissioni di Errani, si rincorrevano i nomi più disparati: da Delrio a Richetti, da Poletti a Bonaccini. Poi la voce di una trattativa segreta tra il premier e l’ex segretario ha cambiato le carte in tavola. Stop: finora si è scherzato. Il candidato di Renzi sarà Daniele Manca, sindaco di Imola e presidente dell’Anci regionale, già molto vicino a Bersani. In cambio l’accordo nel Pd al Senato sulle riforme. “Se la maionese non impazzisce da qui a qualche giorno, Manca sarà il candidato alla presidenza” dice al corriere.it un’autorevole fonte democratica.

La corsa era a due. Da una parte Bonaccini, dall’altra Manca. Il primo, nei giorni scorsi, aveva dichiarato di essere candidato “al 50%” ma per lui, sempre secondo il patto Renzi-Bersani, sarebbe già pronto un incarico importante nella segreteria nazionale: vice segretario con delega all’organizzazione. Il sindaco di Imola, d’altro canto, è sponsorizzato anche dai sindaci emiliani. In particolare quello di Bologna, Virginio Merola. “Ho sempre posto il tema dell’essere una risorsa, un’opportunità e non un problema- ha dichiarato ieri Manca- alla luce di questo, se serve ed è utile che io ci sia, sono a disposizione” ma, assicura, “non correrei mai le primarie contro l’uno o l’altro”. Che tradotto dal politichese significa: se un’ampia maggioranza mi chiederà di candidarmi, lo farò. Seguo solo la disciplina di partito.

renzi bersani

La notizia dell’intesa inconfessabile tra i due pezzi grossi del Partito ha fatto, però, storcere la bocca a molti. Inizia Patrizio Bianchi, già assessore al Lavoro della giunta Errani, che correrà alle primarie del 28 settembre: “Manca è un nome che divide” e la sua “corrente di partito” (i bersaniani, ndr) non rappresenta più “la società civile” della regione. Poi ci va giù duro: “Non ci siamo. C’è bisogno di una Regione nuova che sia capace di posizionarsi in Europa (che vuol dire?, ndr), e lui non è capace”.

Molti contestano soprattutto il metodo. Il consigliere regionale Casadei definisce “singolare” il fatto che la “discussione sul futuro dell’Emilia avvenga a Roma” mentre Benedetto Zacchiroli, consigliere comunale bolognese vicino a Richetti, spara: “Se davvero Bersani sta lavorando a questo ricatto, è un irresponsabile. E deve smentirlo. Bersani rispondi”. Qualche voce sporadica e flebile si leva anche dall’opposizione che di certo non farà le primarie. Daniele Marchetti, segretario imolese della Lega, invita tutte le forze di opposizione “a organizzarsi per dare un’alternativa a questa città” perché “il partitone (il Pd, ndr) deve essere mandato a casa”. Gli risponde il berlusconiano Carapia che coglie “con favore l’appello all’unità” della Lega “per presentarsi uniti alle prossime elezioni”.

La partita è ancora aperta. Entro la prossima settimana le candidature dovranno essere ufficiali. E non si escludono colpi di scena dell’ultimo minuto. Il Partito Democratico è ormai l’unica formazione politica ad organizzare le primarie per dare voce agli elettori. Ma se poi queste diventano il simulacro di trattative indicibili e imposizioni dall’alto, tanto vale non farle. Si risparmierebbe pure qualche soldo.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da: