•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 9 settembre, 2014

articolo scritto da:

Disoccupazione Ocse, a luglio cresce al 7,4%. Italia fanalino di coda

In lievissima crescita la disoccupazione nell’area Ocse. Un esiguo +0,1% che, però, continua a fotografare la situazione drammatica in cui siamo costretti a muoverci. A luglio la disoccupazione è salita al 7,4% (44,8 milioni di persone senza lavoro). 5,1 milioni in meno rispetto all’aprile del 2010, ma sempre 10,2 milioni in più rispetto al pre-crisi (luglio 2008). Perciò, sottolinea l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, sono stati “pochi” i cambiamenti nell’Eurozona “rispetto al mese precedente”. Con due eccezioni (una positiva e una negativa). In Slovenia, in controtendenza rispetto alla situazione generale, la disoccupazione è calata di 0,3 punti percentuali fino al 9,8%. D’altro canto, l’Italia rimane il fanalino di coda dell’Eurozona: dal mese precedente la disoccupazione è aumentata dello 0,3% fino a toccare l’allarmante vetta del 12,6%. Ma questo, già lo sapevamo.

Più nello specifico si può notare come il tasso di disoccupazione sia aumentato dello 0,1% in Giappone e negli Stati Uniti, di 0,3 punti percentuali in Messico e di 0,4 in Australia. Al contrario, in Canada i senza lavoro diminuiscono dello 0,1% e addirittura -0,2% in Corea del Sud. Sempre secondo i dati Ocse, la disoccupazione femminile di luglio arriva al 7,5% (7,3% quella maschile) ma soprattutto, l’attenzione è rivolta verso i dati sulla disoccupazione giovanile. In molti paesi dell’area Ocse, essa rimane “eccezionalmente elevata” come in Grecia (53,1%), in Italia (42,9%), Portogallo (35,5%), Repubblica Slovacca (31,7%) e in Spagna (53,8%). E proprio nella giornata di ieri, l’Organizzazione ha migliorato le previsioni di crescita del Pil spagnolo (+1,2% rispetto al +1% previsto) per il 2014 e di un decimo (+1,6%) per il 2015. Sempre in Spagna, sul fronte disoccupazione, l’Ocse prevede un calo di 1,7 punti rispetto alle stime previste (da 26,4% a 24,6%), e di 2,7 (a 23,6%) per l’anno prossimo. Tuttavia, questo avverrà, come al solito, con il sostegno delle “riforme”.

ocse dati italia in recessione

L’Organizzazione parigina ha anche fotografato la situazione delle piccole e medie industrie nostrane, definite “la spina dorsale dell’economia italiana”. Dal 2008 al 2010, sono 63 mila le imprese che hanno chiuso, pari all’1,5% del totale. Tutto questo con la perdita di lavoro di 610 mila persone. Sui preoccupanti dati Ocse, è arrivata anche la prima reazione politica affidata a Elvira Savino, deputata di Forza Italia: “Il lavoro è la priorità visti i drammatici dati della disoccupazione” ma, attacca, “il governo non fa nulla”. “L’altro tema prioritario è la riforma fiscale- continua Savino- in Italia le tasse sono troppe, troppo alte e troppo complicate da pagare”. Poi conclude: “Questa è la più vistosa differenza fra il presidente Berlusconi che prima di scendere in politica era, ed è, un grande imprenditore e Renzi che in vita sua ha fatto solo il politico: il primo è un self made man, il secondo un selfie man”. Battutone.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Franco Gentile ha scritto:

    Come mai allora il Ministro Italiano del Lavoro afferma che è diminuita?…..Chi glieli fornisce i dati?

Lascia un commento