•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 13 settembre, 2014

articolo scritto da:

Dilma Rousseff e il Brasile che non cresce più

Brasile

È l’economia il nocciolo della questione. E l’economia rischia di giocare un brutto scherzo alla presidente Dilma Rousseff, che il prossimo 5 ottobre cerca la rielezione in un Brasile che non cresce più come un tempo. Agosto se ne è andato lasciando numeri deludenti: Pil in ribasso per due trimestri consecutivi. Vale a dire recessione. Il secondo trimestre ha fatto segnare una flessione dello 0,6 per cento. Nel primo trimestre l’economia brasiliana aveva lasciato per strada lo 0,2. A fine anno, la crescita rischia di restare sotto l’1 per cento. L’inflazione invece galoppa.

Per Rousseff sono lontanissimi i tempi della vittoria elettorale del 2010, quando il Brasile era una potenza emergente capace di crescere al ritmo del 7,5 per cento. Il rallentamento non ha cambiato di molto la vita dei brasiliani, ha scritto la BBC: ma a cambiare è la percezione del futuro. Si guarda al domani con un po’ meno ottimismo.

L’agenzia Reuters ha raccontato che milioni di brasiliani provano frustrazione nei confronti della inefficienza dei servizi pubblici e temono gli effetti del rallentamento dell’economia. Si tratta nella maggior parte dei casi di gente che si affaccia ai bordi della classe media, persone che negli ultimi anni hanno cambiato in meglio le proprie abitudini: in pratica, spendono di più. È l’eredità degli anni della presidenza di Lula, durante i quali milioni di persone sono uscite dalla povertà. Molti nel 2010 scelsero Rousseff sull’onda della crescita economica, ma anche perché si trattava di dare fiducia alla donna che avrebbe dovuto raccogliere l’eredità di Lula, proseguendo sulla stessa strada. A distanza di quattro anni, il quadro è diverso.

Rousseff

Dilma Rousseff

Photo by Fotos GOVBACC BY 2.0

In questa situazione, gli avversari di Rousseff provano a giocare la loro partita. Marina Silva in particolare sta cercando di imporsi sulla scena come il nuovo, come la donna capace di cambiare il panorama politico, il personaggio che non appartiene né al Partito della Social Democrazia Brasiliana, né al Partito dei Lavoratori – le due formazioni politiche che dominano la scena sin da una ventina d’anni. E i suoi sostenitori in giro per il paese sembrano essere numerosi. Secondo uno degli ultimi sondaggi, Dilma Rousseff e Marina Silva sono testa a testa. Rousseff dalla sua parte ha però la macchina elettorale, il carisma, l’esperienza: ragioni per le quali la favorita resta comunque lei.

Il supporto nei confronti di Dilma Rousseff ha cominciato a scendere nell’estate del 2013, durante la Confederations Cup quando per le strade del Brasile sono andate in scena feroci proteste contro la corruzione, contro l’aumento dei prezzi, contro la decisione di spendere denaro pubblico per ospitare i Mondiali di calcio e non per migliorare la scuola e la sanità. Ancora oggi, a distanza di mesi da un campionato di calcio finito tra l’altro con una sconfitta bruciante, il nervo scoperto delle enormi spese sostenute torna a farsi sentire.

Secondo Terre des Hommes (un’organizzazione che si occupa della difesa dei diritti dei bambini e della promozione di un equo sviluppo) circa 170.000 persone hanno perso la loro casa durante i preparativi per la Coppa del Mondo in Brasile: molta gente sarebbe stata ricollocata in baracche senza acqua né elettricità. Sono numeri molto diversi rispetto a quelli delle autorità brasiliane secondo le quali circa 4.000 famiglie sono state spostate a causa dei lavori che hanno riguardato le dodici città che hanno ospitato le partite del mondiale. Ma nessuna persona è stata sgomberata con la forza, hanno sottolineato le autorità del paese.

Immagine in evidenza: photo by ThomàsCC BY 2.0


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments

Trackbacks

  1. […] Marina Silva rimprovera all’attuale governo di aver contribuito a far crescere l’inflazione e a ingolfare la crescita economica. Tagliando le inefficienze e combattendo la corruzione, Marina Silva sostiene poter varare […]

  2. […] il tifo degli investitori internazionali e attira molti brasiliani insoddisfatti per la corruzione, l’economia che non riparte, il […]

  3. […] Dilma Rousseff, quelli più ostici, sono altri e sono nemici che non può battere in tre settimane: l’alta inflazione e l’economia che non gira più come qualche anno fa. Molti brasiliani hanno voltato le spalle a lei e al Partito dei Lavoratori sull’onda della […]

  4. […] nel paese si respira un’atmosfera di timore per gli effetti che l’attuale andamento economico potrebbe avere sulla nazione, in particolar […]

  5. […] dall’agenzia Bloomberg, la crescita per quest’anno si fermerà allo 0,3 per cento. Molto poco per un paese che solo qualche anno fa correva al ritmo del 7 per cento. L’economia in Brasile non andava così […]