•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 26 settembre, 2014

articolo scritto da:

Brasile: Rousseff in vantaggio grazie ai poveri

Brasile

In Brasile le elezioni del 5 ottobre si avvicinano e secondo i sondaggi l’attuale presidente Dilma Rousseff è in vantaggio seppur di poco. L’incertezza resta la grande protagonista di questo appuntamento elettorale che quasi certamente avrà bisogno di un secondo turno per eleggere un vincitore. Marina Silva, la principale concorrente dell’attuale presidente, accusa Rousseff e il Partito dei Lavoratori di condurre contro di lei una campagna fatta di bugie.

L’asso nella manica di Rousseff è rappresentato però dal grosso numero di persone che in Brasile si appoggiano quotidianamente ai programmi di welfare del governo. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, tra il 2001 e il 2012 il Brasile ha portato dal 14 al 3,5 per cento la popolazione che vive in povertà estrema. La percentuale delle persone malnutrite è scesa dal 19 al 5 per cento, sostiene il Programma Alimentare Mondiale. Decine di milioni di brasiliani sono usciti dalla povertà arrivando ai confini della classe media. Chi ancora non c’è riuscito è pronto a votare Rousseff il 5 ottobre.

Brasile 2

Photo by AlexCC BY 2.0

Secondo un sondaggio dell’istituto Ibope, il 46 per cento dei brasiliani che vive con redditi tali da essere collocato al di sotto della classe media è pronto a confermare la fiducia alla presidente: si tratta di circa un quarto dell’elettorato. Solo il 24 per cento di loro dice di voler votare Marina Silva.

Il Washington Post fa l’esempio di Heliópolis, favela nella città di San Paolo, la seconda per grandezza in tutto il paese: il 90 per cento degli abitanti (circa 120mila) è pronto a votare Dilma Rousseff e a sostenere la continuazione delle politiche dell’ex presidente Lula, popolarissimo e amatissimo nel paese.

Per certi versi questo risultato può sembrare un paradosso. Marina Silva ha un passato di povertà, ha imparato a leggere tardi, viene da quel Brasile che fatica a tirare avanti ogni giorno. Eppure non riesce a sfondare tra questa fetta di elettorato: un risultato che suscita frustrazione nel suo entourage, ha raccontato il Washington Post.

Immagine in evidenza: photo by Ana PeruginiCC BY 2.0


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments

Trackbacks

  1. […] Lula, ha lasciato tra la popolazione un’impronta fortissima. Il voto della fetta di brasiliani che vive al di sotto della classe media (una trentina di milioni di persone) peserà molto e a oggi sembra destinato a prendere la strada […]

  2. […] in Brasile potrebbero dividersi lungo una linea di confine che è il conto in banca. I poveri sosterranno Dilma Rousseff, considerata la continuatrice delle politiche dell’amatissimo ex presidente Lula ma anche la […]

  3. […] stragrande maggioranza della popolazione povera del Brasile ha votato per Dilma Rousseff contando sul mantenimento dei programmi di welfare. Ma nel […]

  4. […] ha puntato forte sul welfare e sui risultati ottenuti dal Partito dei Lavoratori negli ultimi anni: milioni di cittadini in Brasile sono usciti dalla povertà. Un terzo circa dell’elettorato si appoggia in modo più o meno decisivo ai programmi dello stato […]