•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 14 aprile, 2014

articolo scritto da:

Poliziotto violento, Pansa: “un cretino da identificare”

pansa capo polizia

“Noi abbiamo avuto un cretino che dobbiamo identificare, e che va sanzionato perché ha pigliato a calci una ragazza che stava per terra”. Se ci si aspettava una risposta alle terrificanti immagini che sono giunte ai nostri occhi della manifestazione di sabato a Roma, è arrivata. Giampaolo Pansa, ex direttore generale dello SCO ed oggi capo della polizia, condanna duramente l’agente che ha calpestato una ragazza durante gli scontri con la polizia tra piazza Barberini e via del Tritone. Purtroppo per lui, un video registrato dalla troupe di Servizio Pubblico al seguito della cronista Dina Lauricella ha individuato l’accaduto. Si attende l’identificazione dell’agente.

pansa cretino da identificare

La scena è questa. Via del tritone: i manifestanti per la casa entrano a contatto con la polizia. Gli agenti (manganello, scudo e casco) caricano. Petardi, lacrimogeni e qualche mazzata. La massa si sposta velocemente per evitare lo scoppio dei razzi e molti anche il contatto diretto con un “nemico” armato. Il sangue inizia a fluire sul selciato: una testa è stata spaccata dal colpo vibrante di un randello. Ma nel bel mezzo del tumulto si individuano due figure abbracciate e sdraiate per terra: un ragazzo sta coprendo la sua compagna dall’onda d’urto di chi carica. E, vicina a loro, una giovane donna che viene sovrastata da un agente. Quest’ultimo la copre soltanto, non la attacca e sembra volerla difendere dagli scontri vicini. E qui, il gesto incriminato. Un agente in borghese (munito però di casco) si avvicina alla donna difesa dal poliziotto e con tutto il suo peso sale sopra il suo addome. Rantoli.

“Tutti quanti gli altri che hanno lavorato – ha aggiunto il capo della polizia – vanno invece applauditi per come hanno operato e agito, con grandissima correttezza e mantenendo l’ordine pubblico. Non eccedendo assolutamente – ha concluso Pansa – nell’esercitare la forza nei limiti della correttezza, come previsto dall’ordinamento”. Bene, bis! Ora però, consiglio non richiesto, identificare l’agente e cacciarlo dalla Polizia di Stato. In attesa di trovare un posto in caserma ci sono tantissimi giovani che un gesto così vigliacco e meschino, non lo avrebbero mai commesso.

Giacomo Salvini


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
Marco Corvi
Marco Corvi

VEDREMO SE LO CACCIANO, HANNO FATICATO A METTERE FUORI SERVIZIO IL GENIO CHE HA SPARATO DA UNA PARTE ALL'ALTRA DELL'AUTOSTRADA........

Francesco D'Angelo
Francesco D'Angelo

al poliziotto daranno un encomio alla fine, altro che licenziamento in tronco

Giò Morra
Giò Morra

Il sindaco Michele Emiliano contro Matteo Renzi..Emiliano: "Renzi? E’ andato in bancarotta totale, in default politico" Duro attacco del sindaco di Bari ed esponente di primissimo piano del Pd contro il rottamatore: "La sua esperienza è finita malissimo". Nel 2010 insieme sul palco della Leopolda..Il sindaco Michele Emiliano contro Matteo Renzi „Matteo Renzi e Michele Emiliano, c’eravamo tanto amati. Sempre che amore ci sia mai stato. Sta di fatto che ieri il sindaco di Bari, ospite su Radio2 ad ‘Un Giorno da Pecora’, non le ha mandate di certo a dire al rottamatore più celebre d’Italia. Una bordata dietro l’altra, incalzato dalle domande serrate e pepate degli ideatori e conduttori del programma, Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro. L’operazione politica di Matteo Renzi? Chiedono ed Emiliano sicuro: “E’ andato in bancarotta totale, in default politico”. Destro al volto, direbbero i commentatori di boxe. E pensare che poco più di anno fa Emiliano era seduto nel palco della Leopolda, alla prima convention di rottamatori allora messa in piedi da Matteo Renzi e Pippo Civati. Un intervento applauditissimo, da standing ovation, con tanto di tiratina di orecchie al segretario Bersani e Massimo D’Alema. “Abbiamo un ceto di dirigenti stanchi – disse in quell’occasione – io ho ritenuto giusto esserci”. In più di anno di acqua sotto i ponti ne passa molta, tanta da far rompere anche i giocattoli più solidi. Di giochi, o meglio di giochini infatti si tratterebbe. Con Matteo Renzi “ero partito di slancio, avevo pensato che gli piacesse giocare di squadra, e invece... poi ho capito che il giochino era che noi andavamo tutti alle sue convention, e lui poi giocava da solo. Era chiaro che questa operazione non poteva andare, infatti è finita malissimo”. Seconda bordata, quello dello strappo deciso, quella dell'addio.“ Potrebbe interessarti: http://www.firenzetoday.it/politica/sindaco-bari-emiliano-contro-matteo-renzi.html Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/FirenzeToday