•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 10 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Jobs Act, il delegato Fiom e la scena splatter: “Renzi vuole il nostro sangue”

landini

Duri attacchi al premier arrivano da Brescia dove si è tenuta oggi l’assemblea Fiom a cui ha presenziato anche il leader dei metalmeccanici Maurizio Landini. “Togliendo l’art. 18 questo governo vuole il nostro sangue, vuole aumentare la paura nelle fabbriche e questo vuol dire aumentare il rischio di farsi male” ha dichiarato il delegato della Tenaris-Dalmine, Eusebio Paganella, spiegando che “se ha paura un lavoratore rischia di farsi male, perchè non riuscirà mai a lavorare tranquillamente, e noi l’acciaio lo conosciamo bene, se è rosso ti brucia, se è grigio di squarcia o ti taglia”. Paganella ha aggiunto che “da vent’anni lavoro in una fabbrica dove c’è l’art. 18 e non ho mai versato una goccia di sangue, ho lavorato sempre in sicurezza, ma la settimana scorsa in Valcamonica c’è stato un infortunio mortale, che ha stretto il cuore a tutti noi”. “Non ci fermeremo – ha aggiunto – ci stanno facendo fare il percorso inverso rispetto agli ultimi vent’anni, ma dopo tanti anni in fabbrica non ci possono piegare. In noi c’è l’acciaio – conclude – che non si piega”.

fiat

 

E neanche Maurizio Landini è stato tenero con Matteo Renzi. “Lui non è il leader maximo di questo Paese a cui non abbiamo alternative” afferma il leader della Fiom. “Bisogna far capire – prosegue il sindacalista – che lui ha la fiducia finta in questo Paese, ma non quella vera, lui ha preso il 40% ma non ha la maggioranza che non è andata a votare o ha votato per i partiti dell’opposizione”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: