•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 18 novembre, 2014

articolo scritto da:

Roma, Bye Bye Marino. Dal Pd: cambi o se ne vada

A Roma Marino sempre più in bilico: la situazione per il sindaco si fa sempre più insostenibile. Dopo il caso delle multe non pagate, la protesta crescente a Tor Sapienza ed un diffuso malcontentpo il Pd avverte il sindaco Marino: cambi o se ne vada.

L’ultimo messaggio con invito a cambiare gli arriva da Lorenzo Guerini, uomo forte del Pd guidato da Renzi. “Nessun diktat. Ma è ovvio che non ci si può accontentare del piccolo cabotaggio. La giunta va rafforzata per dare slancio al governo della Capitale”. Il vicesegretario del Pd è stato incaricato da Matteo Renzi di sbrogliare il caso-Marino. Nell’intervista concessa al Messaggero  Guerini afferma: “Parlo spesso con Marino così come con altri sindaci delle grandi città. È normale che ci sia un confronto tra il partito nazionale e i nostri sindaci impegnati in ruoli così importanti e delicati”. E annuncia: “Ci vedremo nelle prossime ore. Non credo che l’agenda degli incontri tra me e Marino sia così interessante per gli italiani. È normale che ci si veda, l’abbiamo fatto spesso in questi mesi. Quando ci incontreremo cercherò di dare una mano a Marino, gli farò sentire l’attenzione che il Partito democratico nazionale ha verso il lavoro che sta svolgendo e verso i problemi della città più importante del Paese”.

bye bye marino

Sassoli (PD) a Marino: meglio mettere fine all’agonia

Sempre dal Pd si leva un’altra voce all’indirizzo del sindaco di Roma Ignazio Marino. Parla l’europarlamentare David Sassoli:  “È da giugno che io gli chiedo di azzerare la giunta. Occorre un deciso cambio della squadra, ma anche dell’impostazione del sindaco. A Roma c’è un degrado che è molto evidente. A tutti, proprio a tutti”. Il vicepresidente dell’Europarlamento per il Pd, sul sindaco di Roma, Ignazio Marino. “Se non riesce a ripartire, è meglio mettere fine all’agonia”.

“Ho parlato con Marino e con l’altro sfidante, Paolo Gentiloni, pochi giorni dopo le elezioni – spiega Sassoli che aveva perso le primarie per la città vinte da Marino – Poi non ci siamo mai più visti. Ecco, penso che la lezione sia questa: chi vince deve coinvolgere tutti. Così non è stato, ma non ascoltare il Pd è una scelta sbagliata”.

In maniera perentoria Sassoli chiede a Marino: “deve azzerare e ripartire. Ha una grande responsabilità, non deve disperdere il voto dei romani. Quelle elezioni ci hanno consegnato il Campidoglio e pure quindici municipi su quindici”.

Su che cosa non funzioni a Roma, Sassoli afferma: “Basta guardare il centro storico, le grandi periferie”, non solo Tor Sapienza, “anche altre zone completamente abbandonate. C’è un degrado insopportabile”. “Non è vero – aggiunge – che tutti i politici non vanno in periferia, io a Tor Sapienza sono andato quindici giorni fa. C’era un incontro in un circolo del Pd e c’erano anche alcuni dei comitati che poi hanno protestato. Tutti i segnali del degrado erano evidenti. Tutti. Un Comune vale se ascolta i quartieri”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] Ignazio Marino rischia di essere commissariato dal suo stesso partito. Roma è nel caos tra matrimoni gay, aree pedonali, Tor Sapienza e metro C. Una situazione che non piace ad Alfio Marchini che in un’intervista a Repubblica annuncia: “Io mi ricandiderò. Amo Roma e non sopporto di vederla ridotta così. Solo un grande movimento civico non anti-politico e che coinvolga i cittadini può rilanciare Roma. L’idillio Renzi-Berlusconi ha abbattuto gli ultimi recinti: ora il popolo sceglie liberoda finte ideologie”. […]