•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 25 novembre, 2014

articolo scritto da:

Papa Francesco al Parlamento Europeo: “necessario ridare dignità al lavoro” Renzi: “è quello che stiamo facendo”

papa francesco al parlamento europeo matteo renzi

Papa Francesco al Parlamento Europeo: non succedeva da 26 anni che un pontefice si recasse in visita a Strasburgo, l’ultimo era stato Giovanni Paolo II. Oggi ad accogliere Papa Bergoglio c’era il Presidente dell’Europarlamento Martin Schulz. Papa Francesco ha incontrato anche il Presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy, quello della Commissione Jean-Claude Juncker e Matteo Renzi, premier del paese di turno alla Presidenza del Consiglio Ue.

Le radici religiose

Francesco innanzitutto si è scagliato contro gli estremismi “che dilagano nel mondo odierno”, dai quali l’Europa potrebbe essere immune se tornasse a “cogliere la ricchezza e la potenzialità delle proprie radici religiose”. Gli estremismi, ha continuato il pontefice, prendono piede “per il grande vuoto ideale a cui assistiamo nel cosiddetto Occidente, perché è l’oblio di Dio e non la sua glorificazione a generare la violenza”.

Richiamo all’Europa

Gli europei sentono sempre più distanti le istituzioni continentali che appaiono “impegnate a stabilire regole percepite come lontane dalla sensibilità dei singoli popoli, se non addirittura dannose”, in pratica, “i grandi ideali che hanno ispirato l’Europa sembrano aver perso forza attrattiva, in favore dei tecnicismi burocratici delle sue istituzioni”.

Senza mezzi termini Bergoglio ha quindi aggiunto: “l’Europa non deve ruotare intorno all’economia, ma intorno alla sacralità della persona umana”. Il papa ha invitato gli eurodeputati “a mantenere viva la realtà delle democrazie”. La sfida per l’Europa sarà, allora, quella di evitare che “la loro forza reale sia rimossa davanti alla pressione di interessi multinazionali non universali, che le indeboliscano e le trasformino in sistemi uniformanti di potere finanziario al servizio di imperi sconosciuti”.

Contro l’uomo come bene di consumo

“Rimettere al centro dell’impegno delle istituzioni europee la difesa dei diritti umani e la dignità della persona” così si può riassumere un lungo passaggio del discorso di Francesco che ha descritto un’Europa “ammalata di solitudine”.

“L’essere umano rischia di essere ridotto a semplice ingranaggio di un meccanismo che lo tratta alla stregua di un bene di consumo da utilizzare” in modo che “quando la vita non è funzionale a tale meccanismo viene scartata senza troppe remore”. Questo è il risultato della “cultura dello scarto e del consumismo esasperato” che attraverso “l’assolutizzazione della tecnica” provoca una “confusione tra fini e mezzi”.

Lavoro e migranti

“Bisogna favorire le politiche per l’occupazione – ha detto ancora Bergoglio – ma soprattutto bisogna ridare dignità al lavoro, garantendo anche adeguate condizioni per il suo svolgimento”. Ciò significa “reperire nuovi modi per coniugare la flessibilità del mercato con le necessità di stabilità e certezza delle prospettive lavorative, indispensabili per lo sviluppo umano dei lavoratori”.

“Non si può tollerare che il Mar Meditarraneo diventi un grande cimitero – ha continuato Bergoglio – ci sono uomini e donne che necessitano di un aiuto”. Sotto accusa “l’assenza di un sostegno reciproco all’interno dell’Ue” che, avverte il Papa, “rischia di incentivare soluzioni particolaristiche al problema, che non tengono conto della dignità umana degli immigrati, favorendo il lavoro schiavo e continue tensioni sociali”.

Il commento di Matteo Renzi

“Un intervento profondamente condivisibile: un discorso politico, quando la politica è una cosa seria, con la P maiuscola” così Matteo Renzi ha commentato il discorso di Papa Bergoglio. “Sono assolutamente d’accordo – ha aggiunto il premier italiano – quando il Papa dice che occorre tenere insieme forme di flessibilità alla necessaria stabilità del posto di lavoro: è esattamente il senso di quello che stiamo facendo noi in Italia”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

19 comments
Caterina Aleotta
Caterina Aleotta

Per il lavoro? Di chi? Ma ha una faccia che se la sbatti al muro si rompe il muro! IMBECILLEEEEEE

Rosa Fos
Rosa Fos

tutte giuste le affermazioni e le richieste del PAPA,,ma quelli faranno esattamente il contrario

Elena Simioli
Elena Simioli

Con le parole del pontefice sicuramente!!! Ma con quelle di renzi è meglio che confessi la bugia....

Ceccarelli Adelio
Ceccarelli Adelio

renzi fà il contrario hai ordini del U.E ..il pensiero del papa ..non conta nulla

Marco Corvi
Marco Corvi

Con Francesco si, ma RENZI mette sempre becco su tutto......???? Chi gli ha chiesto niente!

Mario Lanata
Mario Lanata

Con papa franceso senz'altro..... Renzi è andato subito a confessarsi.....

Mauro Amelio
Mauro Amelio

ma una scomunica per questa risposta? questo Papa è troppo buono, dovrebbe essere più deciso in casi come questo.

Elena Giromini
Elena Giromini

Papa Francesco con renzi non limitarti agli schiaffi morali. La morale gli è sconosciuta. Passa a 4 schiaffoni reali e ben assestati per favore

Ferruccio Gasparotto
Ferruccio Gasparotto

Papa Francesco ha ragione, è però l'esatto contrario di ciò che sta facendo Renzi

Antonio F. Mazza
Antonio F. Mazza

Si con il Papa, no con quel ciarlatano di Renzi, i ricchi continuano ad incrementare, i medi e poveri soffrono. . .

Alan Ford
Alan Ford

poi Francesco gli avrà detto di andare a confessarsi: raccontare balle al Papa è troppo, dai, anche per Pinocchio.