•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 3 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Marino “Era sistema politico della Capitale” M5S “Commissariare il Comune”

Dopo le tante polemiche legate alle multe alla sua Panda Rossa il sindaco di Roma Ignazio Marino commenta gli arresti avvenuti ieri a Roma.

Per il sindaco: “il fatto che queste persone cercassero di fare pressione, tentando vie di accesso, è chiaro perché questa amministrazione ha sbarrato le porte a chiunque volesse influenzarla in qualsiasi modo”.

Sindaco Marino “Ci hanno provato senza riuscirci”

Intervistato dalla Stampa del ramificato sistema di corruzione rispetto ai suoi anni in Campidoglio dice: “ci hanno provato senza riuscirci”. Riflette anche su Mattia Stella: “non è indagato. È una persona informata dei fatti e la perquisizione nel suo ufficio ha dato esito negativo”. Quanto all’assessore Ozzino, indagato, il primo cittadino dice: “ho conosciuto Daniele per la sua forza nell’imporre la legalità”.

ignazio marino commenta arresti roma

“Comune Roma si costituirà parte civile”

Il sindaco torna poi sul patto di ferro tra mafia e politica: “Era un sistema politico della Capitale. Qui c’è un modo di agire e di operare diverso della criminalità organizzata. Non deve ricorrere alla violenza per gestire gli appalti, perchè ha trovato dei tavoli di incontro con la cattiva politica e la cattiva amministrazione. E a quei tavoli si stringono accordi che permettono di fare affari”. Alemanno indagato? “Saranno i magistrati a decidere le responsabilità, il Comune di Roma si costituirà parte civile in caso di giudizio”.

“Sono sindaco marziano”

Infine Marino sottolinea la sua discontinuità dal passato e denuncia il tentativo di cacciarlo dal Campidoglio con una manovra: “Mi sono chiesto, ma questi attacchi violenti contro di me, con una destra che urlava dimissioni per una Panda rossa, da dove nascono? Sono un sindaco marziano che non si siede a quei tavoli, anzi nemmeno li conosce. L’unica possibilità per continuare con quel metodo era togliermi di mezzo”.

Movimento 5 Stelle: “Commissariare il Comune”

“Chiediamo un incontro al prefetto perchè ci siano tutti i presupposti per sciogliere il Comune di Roma per mafia”. Lo ha annunciato Alessandro Di Battista del direttorio M5s nel corso di una conferenza stampa organizzata dal movimento in Campidoglio. “Una forza non è coinvolta ed è il Movimento 5 Stelle – ha aggiunto il capogruppo capitolino del M5s, Marcello De Vito – Noi siamo veramente stanchi, non è più tollerabile questo sistema di potere che fa schifo e deve essere letteralmente smantellato”

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

9 Commenti

  1. Patrizia Baldi ha scritto:

    Non si deve stupire, deve denunciare quello che vede se risulta essere quantomeno irregolare, o no?

  2. Giampiero Censorii ha scritto:

    … non avevamo dubbi, che il sistema che governava Roma, non si sentiva rappresentato da Marino…

  3. Luisa Bacocchia ha scritto:

    vada avanti sindaco

  4. Salvatore Gagliarde ha scritto:

    Si è sempre fatto così… (Consuetudine assurta a fonte del Diritto)

  5. Emilia Polcaro ha scritto:

    era finita a zizzinella con Marino, ecco perchè non lo volevano, eppure quelli del pd, non lo volevano, troppo onesto per loro

  6. Gianni Isidori ha scritto:

    sig Sindaco mi pare che il presidente della giunta e l’assesore alla casa sono stati anche loro indagati, li ha scelti lei, la responsabilità era sua , quindi la prega la pianti di fare il moralista!

  7. Miuccia Prada ha scritto:

    Il pd ora lo incensa fino a ieri gli buttava merda addosso, fate schifo

Lascia un commento