•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 25 febbraio, 2015

articolo scritto da:

Sondaggio Demos: in Italia è boom di euroscetticismo

Cresce a dismisura  lo scetticismo verso l‘Unione Europea e la moneta unica: questo è il risultato chiaro che emerge dal recentissimo sondaggio Demos e Pragma condotto nelle ultime settimane in 6 diversi paesi europei. Il dato diventa ancor più forte nel nostro Paese dove solo il 27,4% dichiara di aver fiducia nell’Europa. Il paese in cui traspare più consenso verso l’istituzione europea è la Germania con il 53,4% a cui seguono la Francia con il 43,0%, la Polonia con il 42,1%, la Spagna con il 40,5% ed infine la Gran Bretagna che è sulle nostre percentuali. Come spiega Ilvo Diamanti su Repubblica  “..L’Europa unita non piace a gran parte degli europei. E se la maggioranza di essi continua ad accettarla è per prudenza. Anzi, per paura. Di quel che potrebbe accadere se non ci fosse. Di quel che potrebbe capitare a chi uscisse dall’Unione.” Più che fiducia, cooperazione e unione di popoli secondo il sondaggista quello che tiene insieme gli stati europei, è semplicemente la paura di tornare indietro.

Fiducia nell'Unione Europea

Giudizi sulla moneta unicaTale sentiment trova una verifica immediata nei dati riguardo la fiducia sulla moneta unica. L’opinione prevalente è quella che l’Euro stia creando qualche problema, ma sia necessario per il benessere del vecchio continente. Su questa idea si ritrovano il 53,8 % degli italiani, il 51,8% dei francesi, il 51,4% degli iberici e il 46% dei tedeschi. Questi ultimi sono i più nostalgici rispetto alla vecchia moneta, in quanto il il 36,7% ritiene che l’Euro sia soltanto una complicazione e dovrebbe essere abbandonato. Un italiano su tre vorrebbe il ritorno alla Lira, mentre nel paese guidato da Francois Holande, il 23,1%, ha  un’ opinione completamente positiva riguardo la moneta comunitaria. In Italia solo una persona su dieci crede che l’euro abbia prodotto solo vantaggi. Particolarmente interessante per capire l’umore dell’opinione pubblica europea è analizzare i dati che vengono da Gran Bretagna e della Polonia, nazioni che usano monete nazionali. L’83,6% dei sudditi di Queen Elizabeth è contrario all’adozione dell’Euro ed anche in Polonia la grande maggioranza (70,9%) del campione non è d’accordo sulla sua introduzione.

 

 

Il sondaggio Demos ha,inoltre, filtrato i dati degli euroscettici e nell’immagine successiva viene mostrato come cambiano le percentuali a secondo della vicinanza ai partiti. I movimenti più legati all’Euro sono i socialdemocratici, Pd e Ps, mentre il dissenso più alto lo troviamo nell’Ukip (91,7%), alleato del M5S al Parlamento Europeo. Critici anche i labursti inglesi (77,2%), il Conservativ Party (85,4%) e Ump (32,5%). Nel nostro Paese, la percentuale maggiore di euro-scettici è presente all’interno della Lega Nord (43,6%) anche se sono sulle stesse percentuali sia Fi (42,1%) sia il M5S (42,6%).

In sintesi per i popoli Europei, l’Euro rappresenta l’Europa stessa e tutti i dubbi che nascono sulle politiche monetarie si riflettono di conseguenza anche sulla concezione stessa di Unione che appare troppo debole e assente sulle politiche sociali o estere, ma soprattutto non in grado di fronteggiare le gravi emergenze del terrorismo o dei migranti.

 

4

 

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento