•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 16 aprile, 2015

articolo scritto da:

Italicum, Renzi spiana la minoranza Pd ma Bersani non si arrende “Combatteremo”

L’Italicum veleggia verso l’approvazione in Aula. Con o senza fiducia si vedrà. Non sarà di certo il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a mettere i bastoni tra le ruote del premier Matteo Renzi. Il capo dello Stato lascerà cadere nel vuoto le preoccupazioni (inviategli sotto forma di lettera) di parte delle opposizioni (Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega) che hanno denunciato l’eventuale “strappo costituzionale” qualora si mettesse la fiducia sulla legge elettorale.

Italicum, Renzi spiana la minoranza Pd

L’assemblea del gruppo Pd di ieri ha certificato ancora una volta la forza politica di Renzi. La minoranza democrat si è sfaldata dopo gli annunci apocalittici del giorno prima. Il capogruppo alla Camera, Roberto Speranza, ha rimesso il suo mandato. I cento ribelli pronti ad affossare l’Italicum alla fine non sono stati altro che una sessantina (divisi anch’essi al loro interno tra oltranzisti e lealisti).

Ieri il premier ha fatto passare la sua linea. Niente modifiche all’Italicum. Chiusura totale alla minoranza che è rimasta fuori al momento del voto. Anche perché se l’Italicum non dovesse vedere la luce l’unica via consequenziale per il premier sarebbero le urne. Che la maggior parte dei parlamentari Pd non vuole.

Italicum, Renzi apre a modifiche alla riforma costituzionale

Per non rendere troppo netta la vittoria e non umiliare gli sconfitti, il premier ha ipotizzato alcune modifiche alla riforma costituzionale e ha annunciato che lunedì 27 aprile si svolgerà al Nazareno una direzione su ciò che sta avvenendo nei Pd locali (vedi Paita). Per i bersaniani un’apertura di facciata. Il loro leader infatti non arretra di un millimetro ed in un’intervista al Foglio rilancia: “Io non mi muovo in una logica distruttiva, per me il Pd è il partito del secolo, è il simbolo di quello che manca all’Italia. Ma intanto voglio ridurre il danno, correggere quello che non va nel combinato disposto della riforma elettorale e delle altre riforme istituzionali. Con l’Italicum il Parlamento è subordinato in modo anomalo all’esecutivo, troppi nominati, non c’è trasparenza parlamentare che sorregga una democrazia vera e nemmeno un presidenzialismo ordinato e significativo, con i suoi contrappesi”.

bersani a renzi

Italicum, Bersani: “Minoranza non è in ritirata”

Poi in mattinata Bersani smentisce categoricamente lo sfaldamento della minoranza dem. “Leggo strane ricostruzioni sui giornali riguardo all’assemblea di ieri. Io non ho visto una ritirata della minoranza Pd, ho visto un’idea di combattimento”.  Infine lancia una stilettata a Renzi. “Non possiamo essere qui a parlare del 25 aprile e poi prendere alla leggera oggettini come Costituzione e legge elettorale, trattarle come cosucce. Se Renzi è contento, contento lui, siamo contenti tutti, andiamo pure avanti così. Sono davvero esterrefatto che in questo momento in Italia si stia discutendo in questo modo e delle cose che si stanno facendo. La fiducia sulla legge elettorale? È un’ipotesi che non voglio neanche considerare”.

Più duro di Bersani è uno dei suoi discepoli, Miguel Gotor. Il deputato Pd, intervistato dal Corriere della Sera, invoca la costruzione di un’alternativa a Renzi. “Tra l’obbedienza a una cosa sbagliata e la scissione c’è una autostrada per fare politica nel Pd. È il tempo dell’autonomia e della costruzione di un’alternativa a Renzi, nel Pd. Si apre una fase politica nuova e chi ha più filo tesserà”. Intanto in una nota  congiunta 22 senatori della minoranza Pd auspicano “la ripresa di un confronto” sull’ Italicum prima del voto in Aula.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

articolo scritto da:

40 Commenti

  1. Carlo Sottile ha scritto:

    le primarie che hanno portato Renzi ad essere segretario volevano dire proprio questo: discutere e’ sacrosanto ma poi decidere

  2. Daniel Spadacini ha scritto:

    Non siamo ancora a tiro di pensione, per cui si turano il naso e fanno quello che dice il padrone…

  3. Giampiero Censorii ha scritto:

    Renzi chi?

  4. Gabriele Giusto ha scritto:

    finalmente un commento sensato!anche a me sembra semplice e chiaro che sia così, eppure pare difficilissimo da capire per alcuni…

  5. Monica Ravalico ha scritto:

    Sembra il contrario: Renzi è alla frutta, perchè casca il palco

  6. Gabriele Giusto ha scritto:

    a fronte di 315 senatori in meno, o meglio 315, senatori che proverranno dagli enti locali e non saranno quindi 315 parlamentari in più, mi sembra che 10 deputati in più siano un’inezia, sempre che sia una cosa vera. A fronte di questo voglio proprio vedere cosa si inventerà il (mis)fatto quotidiano quando si parlerà della riforma del parlamento.

  7. Giuliana Troni ha scritto:

    Mi auguro che qualcuno spiani anche lui…..

  8. Carmine Noviello ha scritto:

    ma ZITTO TUTTE STE CHIACCHIERE POLITCHE. SIAMO STANCHI DEI VOSTRI BLA BLA BLA BLA…. via !! tutti a casa

  9. Carmine Noviello ha scritto:

    ci state togliendo anche la pelle, IN CARCERE LI VOGLIO VEDERE MARCIRE

  10. Fabio Bianchi ha scritto:

    Bersani ha fatto il suo tempo : a casa

  11. Max Aliverti ha scritto:

    No,non ci saranno 10 deputati in più,hanno solo sbagliato i calcoli quei fenomeni del governo…

  12. Arcuri Adriano ha scritto:

    Anche mussolini decideva. La sola differenza è che renzi fa tutto il contrario di quello per cui e stato votato.

  13. Carmine Noviello ha scritto:

    ahahahah chissà perchè sbagliano sempre PER ANDARE IN CULO agli italiani ahahahahha

  14. Franco Gulino ha scritto:

    e tu per decisione intendi tornare a MUSSOLINI, ma che cazzo vi fanno fumare per ridurvi così il cervello………….

  15. Stefano Aragona ha scritto:

    bene!!!

  16. Pino Iaco ha scritto:

    Veleggia, veleggia…da venerdì brutto tempo….

  17. Francesco Coraggio ha scritto:

    L’ITALICUM HA AVUTO L’APPROVAZIONE DELLA DIREZIONE E DELL’ASSEMBLEA DEI DEPUTATI DOPO 4 ORE DI DISCUSSIONE
    Cosa manca ancora? L’unanimità? Era meglio prima che le direzioni non si facevano, che D’Alema era libero di fare accordi con Berlusconi in tutto segreto (vedi accordo sulle TV di Berlusconi) salvo poi dopo anni venirlo a sapere da Violante in parlamento; oppure la gestione Bersani che non faceva direzioni, gli bastava prendere ordini da D’Alema; e così via? Sull’italicum abbiamo visto tutto e di più, chi era contro le preferenze ora ne è un fautore (Bersani), chi era per la Ditta ora è per il Paese prima della Ditta (Bersani); chi è imporovvistamente un ortodosso di sinistra, salvo poi aver fatto parte e votato la modifica all’art. 18 con Monti, e ad aver votato la riforma pensionistica della Fornero (Fassina); chi pur essendo del PD ha identità di veduta con la moglie (NCD) Boccia; chi si richiamava alla disciplina di partito e ora invece si richiama continuamente a questioni di coscienza contro innumerevoli votazioni in direzione; e via dicendo. Poi c’è Civati, è un caso unico, lui non ha idee, la sua idea è il contrario di quella di Renzi; Civati ha una missione essere il reciproco di Renzi.

  18. Alfredo Bartolini ha scritto:

    E’ ora passata che la minoranza spiani renzie…… e ci mandi alle elezioni. Per demeriti politici : Aumento debito pubblico, piccolo aumento delle tasse, occupazione stabile ecc. ecc……..

  19. Fabio Lazzaroni ha scritto:

    Fa bene.

  20. Francesco Coraggio ha scritto:

    BERSANI, LA DELUSIONE – Ha deluso come segretario, e come leader, alla prima prova difficile ha dimostrato tutti i suoi limiti. Ora delude anche come opposizione interna del partito, non si capisce cosa vuole; ondivago, non riesce a nascondere il suo rancore verso il segretario, ma si rende conto anche che questa opposizione, o meglio, stillicidio interno al partito non si giustifica in nessun modo.

  21. Gaetano Fano ha scritto:

    nonostante il teatrino lo voteranno tutti perche sanno che se cade il governo e si va alle elezioni molti non saranno piu rieletti,quindi tutti pensano a mantenere la poltrona e i benefici.

  22. Gianfranco Leonelli ha scritto:

    spiana? direi sfida..

  23. Massimo D'Ulisse ha scritto:

    Fa benissimo

  24. Massimo Nesti ha scritto:

    Stanno nel PD e menano il can per l’aia solo per avere visibilità, d’altronde la politica è un mestiere.

  25. Andrea la Duca ha scritto:

    Gaudillo

  26. Pietro Domenico Salvi ha scritto:

    Ha fatto bene , dinosauro ottusi amici degli avversari i soliti intrallazzi e traffico degli ultimi 20 anni

  27. Francesco E Basta ha scritto:

    Il ducetto che gioca a fare il dittatore

  28. Caterina Aleotta ha scritto:

    Ma va?

  29. Giancarlo Cervoli ha scritto:

    La democrazia è tale mon perché la maggioranza fa quello che vuole ma perché rispetta le idee della minoranza e si confronta con essa.

  30. Daniele Passone ha scritto:

    Un vero fascista…

  31. Roberto Tempestini ha scritto:

    …minoranza PD = NULLA…!!!

  32. Alessandro Casasso ha scritto:

    Reductio ad Hitlerum sempre e comunque!

  33. Fernando Giannoni ha scritto:

    La minoranza vuole far cadere il governo per andare a votare col proporzionale, per non fare la riforma della costituzione e così mantenere i mille parlamentari e rifare i consigli provinciali. Tutti posti da occupare per la politica. Bersani, Fassina e C. voglionpo questo, è molto chiaro!

  34. Tf Use ha scritto:

    renzi si sta scavando la fossa.

  35. Maria Damaso ha scritto:

    chi di furbate ferisce, di furbate perisce

  36. Marco Corvi ha scritto:

    Cosa vuoi spianare? Siamo noi italiani spianati da questo incapace esaltato

  37. Luigi Babbetto ha scritto:

    Che rimarrà schiacciato lui

  38. Luciano Salardi ha scritto:

    Gli hanno lasciato fare quel cazzo che gli pareva e adesso ne pagheranno, ne pagheremo, le conseguenze, dovevano fermarlo sul Jobs PorcAct ora é tardi

  39. Marco Bagnasco ha scritto:

    Decidete pure… da soli. Buon viaggio

  40. Giancarlo Penasa ha scritto:

    Non sono stati capaci di farer una cazzo di legge sul conflitto di interessi che per la democrazia era molto ma molto più importante e adesso fanno una guerra di resistenza sul nulla ( italicum ) Dimostrazione che le battaglie le sanno fare solo contro di loro, mai per gli interessi del paese e per la difesa della democrazia.

Lascia un commento