•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 14 maggio, 2015

articolo scritto da:

L’economia inglese e l’occupazione: questo è il segreto della vittoria di Cameron

economia inglese: curva che descrive l'andamento delloccupaione negli ultimi 40 anni

L’economia inglese: questo è il segreto della vittoria di Cameron

La vittoria dei conservatori di Cameron nelle elezioni inglesi del 7 maggio è stata inaspettata, soprattutto visti i sondaggi che davano Tories e laburisti testa a testa: nessuno realmente si attendeva che qualcuno ottenesse una vittoria netta e la maggioranza assoluta, e certo meno i conservatori dei laburisti.

Dal punto di vista politico ci si aspettava che, ad esempio, il leader labour Milliband avesse più appeal tra gli elettori, o che l’emergente populismo euroscettico dello UKIP attirasse molti elettori conservatori.

Probabilmente un aspetto era stato tralasciato a favore di considerazioni più puramente politiche: l’economia.

L’Inghilterra sta vivendo una crescita che, trattandosi di un’economia matura, può definirsi come un vero e proprio boom, analogo a quello americano.

Vediamo di seguito dall’Office for National Statistics la crescita del PIL inglese negli ultimi trimestri:

economia inglese: istogrammi che rappresentano la crescita nei diversi  trimestri

 

Nel primo trimestre 2015 sui media inglesi ci sono stati allarmi per un rallentamento al 2,4% di crescita annua, e anche solo questo dà l’idea della realtà considerando che l’Italia ha avuto una crescita zero.

Oltre alla crescita record per i livelli europei l’impatto più fondamentale sugli elettori è stato quello dell’occupazione, o meglio del calo della disoccupazione, dopo la recessione del 2008-2009. Come vediamo di seguito dall’inizio del 2012 l’andamento dell’occupazione in Gran Bretagna ha preso una piega completamente diversa da quella del resto dell’UE che allora ricadeva in una seconda recessione – soprattutto per i Paesi del Sud Europa – per invece rassomigliare in modo più netto a quello degli Stati Uniti, fino a giungere recentemente a meno del 6% di disoccupazione:

economia inglese: le curve della disoccupazione in UK USA e UE

Come si vede di seguito ci si sta avvicinando ai valori del lungo periodo di crescita tra il 1992 e il 2008 quando, nei primi anni 2000, si toccarono i minimi di disoccupazione da 20 anni.

economia inglese, la curca che descrive l'andamento della disoccupazione dagli anni '60 a oggi

Ricordiamo che in Italia siamo a quota 13% circa e che non è previsto un calo per i prossimi 2 anni.

Tuttavia a segnare la differenza tra l’economia inglese e quella italiana è soprattutto il tasso di occupazione che da noi è stagnante al 55%, uno dei valori più bassi d’Europa, mentre in Inghilterra a fine 2014 si sono raggiunti del livelli record: il 73,4% delle persone tra i 16 e i 65 anni lavorava, con un aumento del 4% in due anni. Si tratta di un record questa volta assoluto, anche rispetto agli anni ’70 e ’80.

economia inglese: curva che descrive l'andamento delloccupaione negli ultimi 40 anni

Come si vede anche nel periodo peggiore si è scesi al 65,6%, un livello comunque 10 volte migliore di quello italiano, fatta la tara a tutte le differenze di rilevazione statistica.

Come questo aumento dell’occupazione è riuscito a produrre voti e sostegno per i Tories?

E’ stato ben distribuito tra uomini e donne, e inoltre la gran parte dei 557 mila nuovi posti di lavoro creati negli ultimi 6 mesi sono full time, cosa non secondaria, visto che in molti Paesi, tra cui l’Italia, molto si è polemizzato negli ultimi anni, e anche prima della crisi, sul fatto che il nuovo lavoro fosse soprattutto part time, con un calo effettivo delle ore lavorate, e quindi salari più bassi. Qui invece abbiamo un aumento effettivo del lavoro e delle ore lavorate.

economia inglese: istogrammi che distinguono tra occupazione full time, e par time, uomini e donne

Vi è una distribuzione equilibrata anche tra autoctoni e stranieri, ossia tra coloro che sono nati in Inghilterra e chi è nato fuori:a dire il vero sono proporzionalmente di più gli stranieri, cioè il 35% circa dei nuovi occupati, ma che sono molti meno in Gran Bretagna. E’ tuttavia normale se si pensa che gli stranieri sono in media più giovani e sono stati più colpiti dalla disoccupazione.

economia inglese: istogrammi che delineano l'aumento di occupazionetr ainglesi e stranieri in UK

Almeno il 20% dei nuovi posti di lavoro sono stati attivati tra i giovani tra i 16 e i 24 anni, e questo è un fatto particolarmente rilevante considerando che comunque questo segmento della popolazione è in calo per motivi demografici, come vediamo in seguito dai grafici del ONS. A seconda che si prenda il periodo di riferimento più lontano o più vicino, calano comunque sia i disoccupati che gli inattivi.

Ricordiamo che questo è in totale contrasto con il trend italiano, il quale soffre del record di aumento della disoccupazione per i giovani in Europa. In ogni caso anche altrove, come ad esempio in Germania, l’aumento maggiore di occupazione ha beneficiato soprattutto gli over 55enni , banalmente per l’innalzamento dell’età pensionabile.

economia inglese: istogrammi che rappresentano l'andamento dell'occupazione per i giovani

Questo spiega anche la grande attrazione della Gran Bretagna, e di Londra soprattutto, per i giovani europei, italiani in primis, anche perchè, come vediamo nell’ultimo grafico qui di seguito, i nuovi posti di lavoro sono in settori appetibili come quello scientifico o dei servizi:

economia inglese: istogrammi che rappresentano l'aumento dell'occupazione nei diversi settori dell'economia

Naturalmente l’opposizione laburista e i media ad essa vicini come il Guardian hanno sottolineato i lati negativi dell’economia inglese: nonostante gli innegabili progressi, come il fatto che molti di questi nuovi posti di lavoro sono autonomi – similmente  alle nostre partite IVA come il Guardian sottolinea – i salari reali sono scesi, e come in Germania si è scelto un modello che favorisce nuovi posti di lavoro a un incremento dei salari. Questo anche a causa del fatto che l’aumento della produttività è decisamente inferiore a quello di un tempo.

In ogni caso è visibile soprattutto nell’Inghilterra centrale e meridionale, nelle Midlands, nel Sud Ovest, nei sobborghi di Londra e in tutte quelle aree in cui la disoccupazione è più bassa, come grazie a questi dati i Tories abbiano resistito all’assalto dello UKIP e dei laburisti, rubato voti ai libdem e, in molti casi, aumentato le proprie percentuali.

Ancora una volta gli inglesi si dimostrano più attenti al dibattito sull’economia che a questioni ideologiche astratte e alla “politique politicienne”.

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. Camilla Santoro ha scritto:

    a noi? GIU’ scuola, GIU’ stipendi per blocco GIU’ lavoro giovani e anche malpagato, GIU’ sanità SVENDITA gioiello di famiglia…e la gente si ASTINENE dal VOTARE M5S?…..che non si lamentino allora

  2. Camilla Santoro ha scritto:

    19 Maggio tutti davanti a MONTECITORIO per difendere la SCUOLA pubblica senza bandiere ma come VOLONTA’ dei CITTADINI italiani
    https://www.facebook.com/dibattista.alessandro/videos/703388926439841/

Lascia un commento