•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 22 maggio, 2015

articolo scritto da:

Circoli del Pd romano contro Matteo Orfini: “La smetta di insultarci”

pd romano orfini

Come noto il Pd romano è sotto commissariamento a causa degli scandali che lo avevano coinvolto nell’inchiesta Mafia Capitale: ad oggi, a seguito della recente richiesta – non ben accolta dal presidente Matteo Orfini – di alcuni circoli del Pd di Roma di convocazione anticipata del congresso cittadino e di rendere noti i dati sull’operazione “Pulizia”, che riguarda anche loro, è caos.

Infatti proprio stamattina 40 coordinatori dissidenti hanno inviato una nuova lettera ad Orfini chiedendogli, in sostanza, di giustificare le sue accuse contro di loro: “Come e’ possibile che la legittima richiesta di una assemblea democratica dia luogo ad accuse immotivate, a veri e propri insulti?”. “In condizioni di serenità e rispetto reciproco – si legge sulla lettera dei dissidenti che si sono riuniti presso la sede del circolo Pd di Trastevere – a una richiesta simile si risponde nel merito, si convoca l’assemblea e li’ si discute apertamente. Invece ci siamo trovati di fronte a dichiarazioni strumentali, in cui ci vengono attribuite posizioni opposte a quelle da noi avanzate e ci vengono rivolte accuse del tutto infondate”.

pd romano orfini

 

Le accuse di Matteo Orfini

Le accuse loro rivolte sono quelle di “tesseramenti falsi e pilotati che servono solo a gestire i congressi”, ma loro invece sostengono di essere “quelli che le correnti e le cordate le hanno sempre combattute a viso aperto, e che hanno denunciato i fenomeni di degenerazione facendo nomi e cognomi, proponendo soluzioni concrete per garantire più partecipazione e più democrazia”. Inoltre i 40 ricordano al presidente Pd  che il commissariamento, deciso dal segretario del Pd Matteo Renzi, “riguarda soltanto gli organi esecutivi (segretario e segreteria) mentre l’assemblea, la direzione e la commissione di garanzia mantengono tutte le loro prerogative, le loro funzioni e le loro responsabilità” e che la convocazione dell’assemblea era stata richiesta proprio per iniziare il percorso verso il congresso “con una richiesta firmata da oltre il 10% degli aventi diritto in ottemperanza a quanto disposto dal regolamento”. “Di fronte a questa richiesta, senza minimamente provare a contestare il nostro diritto a chiedere la convocazione dell’assemblea, Orfini e poi Giuntella, hanno tentato di attribuirci posizioni politiche che non abbiamo mai avanzato e ci hanno rivolto accuse prive di ogni fondamento, mistificando e ribaltando le nostre vere motivazioni”.

I dissidenti: “Roma merita comportamenti politici di ben altro livello”

Vogliamo un cambiamento vero, non consentiamo di assegnarci il ruolo di chi ha paura del cambiamento e rifiutiamo una operazione di semplice redistribuzione del potere nella quale vengono divise le spoglie di coloro che sono stati colpiti dalle inchieste giudiziarie”, continuano i 40 nella lettera. Ulteriori richieste a Giuntella riguardano poi “il rispetto di ogni opinione democraticamente espressa” e la speranza “che si possa svolgere una discussione serena guardando soprattutto agli interessi della città di Roma che merita comportamenti politici di ben altro livello”.

 

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento