•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 29 giugno, 2015

articolo scritto da:

Da domani L’Unità torna in edicola

Da domani mattina L’Unità tornerà in edicola dopo undici mesi di assenza. Dal 31 luglio dell’anno scorso, infatti, lo storico foglio fondato da Antonio Gramsci aveva dovuto rinunciare alla copia cartacea a causa del fallimento della precedente società.

De Angelis: “Giornale che parte con grandi orizzonti e progetti”

“È un giornale che parte con grandi orizzonti e progetti” ha spiegato Erasmo D’Angelis, il nuovo direttore di quello che fu l’organo di stampa ufficiale del Partito Comunista Italiano. “L’Unità” ha, poi, continuato D’Angelis, “torna con un giornale completamente rinnovato, forse unico nel panorama italiano”, con maggiore attenzione alle immagini e ai grandi temi dell’attualità politica.

A partire da Roma e dalle vicende di Mafia Capitale. “Domani ad esempio diamo il via a una grande campagna su Roma che finora è stata raccontata anche all’estero come Mafia Capitale. Noi invece ribaltiamo il concetto con ‘Roma Antimafia Capitale, raccontando la Roma del volontariato, la Roma perbene che vuole fare pulizia” ha affermato D’Angelis, il quale ha aggiunto che questa realtà della Città Eterna la “farà uno scrittore che sta pagando di persona la lotta alle mafie, Danilo Chirico”.

Non solo notizie ed attualità, però. Il giornale si concentrerà anche sull’analisi, ritornerà ad avere un sito web costantemente aggiornato e avrà anche una piattaforma tv che prenderà il posto di Youdem.

Il giornale avrà un nuovo assetto societario

de angelis in primo piano mani aperte

 

Tra le novità, anche l’assetto societario de L’Unità Srl: per l’80% il quotidiano fondato da Gramsci sarà proprietà della Piesse, circa il 20%, invece, sarà in mano alla Fondazione Eyu (Europa, Youdem, Unità) che fa capo al Partito Democratico e sotto l’1% sarà di Guido Veneziani, che è uscito dal Consiglio di Amministrazione.

“Il Pd ha deciso veramente di metterci la faccia con il suo impegno societario pari al 20%” ha affermato durante una conferenza stampa Francesco Bonifazi, che ha aggiunto che “abbiamo mantenuto la promessa di riaprire L’Unità e oggi è un giorno di festa”.

“Il progetto è ambizioso” ha, quindi, continuato il tesoriere dem parlando delle “33 assunzioni a cui si aggiungono i redattori di unità.tv dove sono confluiti tutti i giornalisti di Youdem” e sottolineando che il giornale “seguirà la linea già intrapresa dal Pd di non avere finanziamenti pubblici”.

Renzi: “Ci aiuti a raccontare l’Italia bella”

Anche il presidente del Consiglio e segretario del Partito Democratico Matteo Renzi è intervenuto sulla riapertura del quotidiano, con una lettera inviata a tutti gli iscritti alla sua formazione, pubblicata anche sul sito web dei democratici.

“Era un mio impegno personale, oggi è una promessa mantenuta” ha esordito il premier nella missiva, in cui ha affermato che “ho chiesto che l’Unità sia uno spazio di libertà, di confronto, di discussione. Che ci aiuti a raccontare l’Italia bella, quella che non si arrende, quella dei tantissimi circoli che fanno iniziative di livello, quella del volontariato e dell’associazionismo”. Insomma, un’Unità che per Renzi “vuol bene all’Italia”.

“Vorrei che gli iscritti e i circoli la sentissero come loro patrimonio” ha continuato Renzi, che ha incitato i militanti a partecipare “scrivendo, commentando, criticando, proponendo.” “L’abbiamo riportata in edicola. Adesso tocca a tutti noi averne cura” ha, poi, concluso il premier.

 

 

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

46 Commenti

  1. Guido Zaccaro ha scritto:

    Benissimo alla libertà di stampa…ma “chi paga?”

  2. Manoah Cammarano ha scritto:

    Libertà? un giornale di partito pagato con soldi pubblici? questa è imposizione!

  3. Filippo Di Gregorio ha scritto:

    bentornata l’Unità…

  4. Guido Zaccaro ha scritto:

    Se è così lo fan pagare all’Italia portata alla miseria e disperazione

  5. Salvatore Gagliarde ha scritto:

    A posto

  6. Carlo Branchetti ha scritto:

    Gli Zombie a volte ritornano,paga concita?

  7. Giacomo Pinna ha scritto:

    quanti di voi lo compreranno?

  8. Giuseppe Gullone ha scritto:

    L Italia bella è quella senza di te

  9. Pino Irsuti ha scritto:

    La concorrenza in area zeccoide ormai è tanta…

  10. Pasquale Matone ha scritto:

    Come abbiamo fatto fin’ora….a sopravvivere?

  11. Johnny Patrignani ha scritto:

    ecco, la stronzata della foto in copertina che avete messo è degna del giornale.

  12. Maurizio Ricci ha scritto:

    Dovrebbe cambiare nome, Renzietà! o l’unirenzietà!

  13. Giacomo Pinna ha scritto:

    Renzianità?

  14. Maurizio Ricci ha scritto:

    Tradotto = stronzetà?

  15. Francesco Avati ha scritto:

    Ci aiuti a raccontare LA VERITA’, non le stronzate che il sig. Renzi vuole che racconti.

  16. Nicola Michele Donvito ha scritto:

    Il ritorno di un altro giornale di regime… ne potevamo fare a meno.

  17. Giancarlo De Luca ha scritto:

    Maledetti parassiti ancora a scrivere minchiate a spese degli italiani

  18. Lamberto Giusti ha scritto:

    Salvataggio di Stato, per un giornalaccio poi…

  19. Giovanni Facchini ha scritto:

    Ne pòdi pù de andà a cagà per netamm el cù cun l’Unità !

  20. Mario Salvetti ha scritto:

    Chi ha pagato i debiti ?

  21. Giuseppe Mangiacasale ha scritto:

    Torna il giornale storico della sinistra. Auguri!

  22. Francesca Fedele ha scritto:

    io di sicuro

  23. Francesca Fedele ha scritto:

    Veramente i soldi di stato sono serviti anche x la Padania della Lega. O avete la memoria corta?

  24. Max Conte ha scritto:

    E CHI SE NE FREGA !!!!!!!!!

  25. Mauro Kyriakos Loru ha scritto:

    L’Unità sarà il giornale di “partito” del PD. Quindi, in poche parole, lo storico giornale di sinistra (comunista tra l’altro) sarà legato al Partito renziano che di sinistra ha poco o niente. Gramsci si starà rivoltando nella tomba…

  26. Franco Cervellati ha scritto:

    Proprio adesso che non c’è più la sinistra

  27. Arcuri Adriano ha scritto:

    Non ci dormivo la notte , per me può anche chiudere di nuovo.

  28. Valeria Nari ha scritto:

    Bravo Renzi ,mantieni sempre le promesse e sei l’unico Premier di questi ultimi 20 anni che sa far politica in modo corretto e onesto . Grazie .

  29. Vito Vaccaro ha scritto:

    Figurarsi se non resuscitavano il giornale dei cattocomunisti!

  30. Ceccarelli Adelio ha scritto:

    grande FLOP

  31. Lello Petrone ha scritto:

    Quando finiranno i rotoloni regina

  32. Francesco Di Cera ha scritto:

    Un altro giornale che prenderà soldi pubblici pronto a leccare renzi..ce ne sono pochi!!!!Roba da matti..

  33. Maurizio Palloni ha scritto:

    se lo comprino………………

  34. Fioravanti Lorena ha scritto:

    bella mica tanto

  35. Trevisani Giuseppe ha scritto:

    Speriamo che la linea editoriale sia equidistante ed equilibrata e che, per questi meriti, si distingua dagli altri quotidiani!

  36. Roberto Cipollone ha scritto:

    torna in edicola per sparare cazzate piu’ di prima?

  37. Franco Crespino ha scritto:

    Giornale di merda

  38. Domi Erre ha scritto:

    Figurati se Gramsci si starà preoccupando di queste faccende terrene…

  39. Bruno Dezi ha scritto:

    chi paga ?

  40. Celso Vassalini ha scritto:

    Riguardo alla situazione della Grecia, un eventuale No al referendum indetto per il 5 luglio rischia di portare il paese ellenico fuori dall’Euro. “Sarebbe un dramma innanzitutto per i greci, ma a questo punto devono decidere loro” I leader europei e i leader in casa nostra “populisti e vigliacchi-mentitori”a rispettare “il volere di Atene, senza impicciarsi”. “Vogliono andarsene? Decidera’ il loro popolo. Democrazia è una parola inventata ad Atene: Bruxelles la deve rispettare. Dal canto loro i greci devono avere chiare le conseguenze della loro scelta”.

  41. Daniele Marani ha scritto:

    Si si ..siamo sereni allora….

  42. Massimo Ferri ha scritto:

    Non vedevo l’ora…. Ma anche no…

  43. Rudy Maritan ha scritto:

    Unaltro giornale di apparato servo del padrone

  44. Claudio Cappelli ha scritto:

    Ci aiuta a far mangiare altri pidioti

  45. Ivano Sbrenni ha scritto:

    L’Italia bella sarebbe quella dei continui arresti dei consiglieri del pd ahahhahaha

Lascia un commento