•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 12 maggio, 2014

articolo scritto da:

Referendum Ucraina: un plebiscito in favore dell’indipendenza

Quella di oggi è una giornata particolare per l’Ucraina intera: tutti i testimoni riferiscono di un’atmosfera strana nel bacino del Dombass, da “giorno dopo”; non ci sono stati i festeggiamenti che hanno contraddistinto la vittoria del referendum separatista in Crimea, si respira aria di guerra e si ha paura di quello che potrebbe riservare l’immediato futuro.

Il fronte separatista ha, è innegabile, trionfato nelle regioni sudorientali: a Lugansk con più del 95% dei voti favorevoli, a Donetsk con quasi il 90% (hanno votato rispettivamente il 78 e l’84% degli aventi diritto (le liste sono quelle del 2012 perché Kiev ha bloccato i Database – bassissima la percentuale di schede nulle). Sono previste delle manifestazioni, ma niente di clamoroso e trionfale, nel pomeriggio; nel frattempo si attende la risposta armata di Kiev che – per bocca del Capo dello Stato Turchynov – ha annunciato la continuazione dell’offensiva militare – si sta combattendo in particolare a Slovyansk – contro gli autori della “farsa propagandista senza nessuna base legale; ispirata e organizzata dal Cremlino” che potrebbe strappare all’Ucraina una regione che vale il 20% del PIL nazionale.

ucraina russia

Tutti gli alleati europei dell’Ucraina che guarda a Bruxelles hanno condannato l’esito del referendum e, ancor prima, la consultazione elettorale stessa: a Berlino sono sicuri che “il voto sia stato truccato”, giudizio basato anche sulla velocità dello scrutinio; Francesca Mogherini, a capo della diplomazia italiana, si augura che anche Mosca definisca “illegale” il referendum che comunque “Putin aveva invitato a rinviare”.

Mosca da parte sua è cauta nell’appoggiare le istanze delle regioni russofone dell’Ucraina anche se “rispettiamo la volontà della popolazione delle regioni di Donetsk e Lugansk”; Lavrov, oggi, è comunque intervenuto sulla questione di un possibile summit a 4 tra Usa, Russia, Europa e Ucraina ritenendo impossibile il suo verificarsi se non quando Kiev accetterà di interrompere l’operazione antiterrorismo e accetterà il dialogo con i federalisti.

ucraina donetsk

La sensazione è che Usa, Russia ed Europa non abbiano fretta di fare il prossimo passo in attesa di quello che rappresenta il “vero” voto ucraino, quello delle presidenziali del 25 Maggio – alle quali non parteciperanno le “Repubbliche Indipendenti” di Lugansk e Donetsk: un passo verso la richiesta di annessione?

Guglielmo Sano

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

Pubblicità

articolo scritto da: